Una Strada Alternativa all’Espatrio: il Viaggio a Tempo Indeterminato

Raccontiamo insieme una alternativa possibile, iniziando da qui.

Alberto Mattei

Alberto Mattei: Col mio spirito giramondo e anticonformista sto capitanando Nomadi Digitali, un'emozionante avventura umana e lavorativa che ho fondato per il desiderio di realizzare il sogno di una vita e dopo un caldo, sorprendente e indimenticabile viaggio in Messico. Voglio dare grandi ali a questo progetto e fargli raggiungere inaspettati traguardi.

Pubblicato il: 26 Maggio 2013 | Categoria:

Andare o Restare?… sono sicuro che anche a te sarà capitato, almeno una volta, di porti questa domanda e di sentire forte quel sentimento di irrequietezza che ti spinge a pensare alla tua vita e al tuo futuro.

Irrequietezza…  il Sabatini Coletti, Dizionario della lingua italiana, ne dà una definizione molto semplice e chiara:

“Stato di agitazione che si manifesta con un accresciuto bisogno di muoversi, di fare qualcosa o con un senso di ansietà.”

Sono ugualmente sicuro che, nel momento stesso in cui hai provato questo sentimento,
hai visto di fronte a te solo due soluzioni possibili: mollare tutto per tentare una nuova vita in un Paese diverso o restare, per paura di non avere più sicurezze per il tuo futuro e di perdere ciò che hai, anche se a volte ti va davvero stretto.

E se invece la soluzione fosse vivere in un viaggio a tempo indeterminato, avendo la possibilità di vivere e lavorare ovunque, di partire per poter tornare quando ne senti il bisogno, senza fughe, senza dover lasciare tutto, ma potendo portare con te l’essenziale, ciò di cui hai realmente bisogno per essere felice?

E’ questa la grande opportunità che oggi il Web e le nuove tecnologie ci offrono ed è al tempo stesso, la grande sfida che ci hanno lanciato. Sta a noi raccoglierla, farla nostra e, come veri pionieri, farcene i portavoce con chi è alla ricerca di nuove strade, alternative rispetto a quelle che fino a oggi ci sono state prospettate.

In questo anno, in cui ho viaggiato molto meno di quanto avrei desiderato, ho comunque raggiunto mete importanti e ho incontrato lungo il mio percorso persone fondamentali per dare ali, passione e ancora più forza a questo progetto.

2013-05-01_100443

Diego, il mio amico di sempre e co fondatore di Nomadi Digitali, ha scelto di fermarsi e di prendersi una pausa, ma non sono rimasto solo: Marta ha iniziato a fare un pezzo di strada insieme a me, entrando con entusiasmo e nuove idee a far parte di questo progetto.

Durante questo anno inoltre sono riuscito a conoscere, incontrare e coinvolgere altri ‘compagni di avventura’, che nel mondo stanno già sperimentando il nomadismo digitale e che hanno voglia di raccontare e condividere le loro esperienze di vita e di lavoro in giro per il mondo.

Saranno loro i volti e le voci che animeranno il nuovo blog che, con emozione e un pizzico di orgoglio, voglio inaugurare ufficialmente con questo mio primo post.

I bloggers saranno i tuoi occhi e le tue orecchie dai diversi angoli del mondo, diventeranno punti di riferimento che sapranno guidarti, ispirarti e consigliarti, condividendo con te le loro esperienze, raccontandoti ‘sul campo’ come vivono e lavorano i nomadi digitali.

collage blogger

Tutti insieme, anche grazie al tuo contributo, ai tuoi feedback e consigli, abbiamo la possibilità di creare e di diffondere anche in Italia, dove tutto sembra sempre tragicamente immobile e destinato a ripertersi all’infinito come un copione ormai già scritto, qualcosa di davvero nuovo.

Un’alternativa al modello stanziale di vita e di lavoro, ma anche all’espatrio, a cui ultimamente nel nostro Paese sembra essere legata l’unica forma di ‘salvezza’. Noi sappiamo che non è così, le convenzioni possono essere abbattute e noi vogliamo provarci.

DSC02674Non esiste un unico modo di essere un nomade digitale: il comune denominatore è crearsi una professione mobile e indipendente sfruttando le opportunità del Web, per rendersi finalmente liberi di poter vivere e di viaggiare ovunque, che sia da soli o con la famiglia, girando il mondo zaino in spalla o trascorrendo un periodo di vita all’estero o su un’isola tropicale.

Oppure… a modo tuo. Adesso infatti tocca a te dare il tuo contributo: unisciti a noi!

Lascia il tuo commento qui sotto, prova a raccontarci come a te piacerebbe riscrivere la tua storia personale.

Qual è il modo di essere un nomade digitale che sogni per te?

Dove ti immagini, cosa ti piacerebbe fare e come vorresti sfruttare il Web per sostenere la tua vita in viaggio?

Condividi con noi i tuoi sogni: è il primo passo per diventare anche tu un viaggiatore a tempo indeterminato!