Lavorare Online: Cosa Fare se Ho Tante Passioni e Troppi Interessi?

Molte persone che vorrebbero lavorare online sono paralizzate dalla pressione di doversi specializzare o di dover scegliere qualcosa di specifico tra le tante passioni, interessi e competenze che hanno acquisito nel corso della loro vita. Emilie propone un'alternativa.

Alberto Mattei

Alberto Mattei: Col mio spirito giramondo e anticonformista sto capitanando Nomadi Digitali, un'emozionante avventura umana e lavorativa che ho fondato per il desiderio di realizzare il sogno di una vita e dopo un caldo, sorprendente e indimenticabile viaggio in Messico. Voglio dare grandi ali a questo progetto e fargli raggiungere inaspettati traguardi.

Pubblicato il: 30 gennaio 2018 | Categoria:

«A voi dico: abbracciate tutte le vostre passioni. Seguite la vostra curiosità. Esplorate le vostre intersezioni. Abbracciate i vostri moti interiori per una vita più felice e autentica. E forse, ancora più importante, multipotenziali, sappiate che il mondo ha bisogno di noi»

– Emilie Wapnick –


Il “remote working” e le tecnologie digitali, se sfruttate in modo adeguato, ci offrono la grande opportunità di tornare a lavorare felici, dedicandoci a ciò che realmente ci appassiona e potendo al tempo stesso scegliere il luogo e il tempo da dedicare al lavoro.

In questi anni mi sono relazionato con tante persone che vorrebbero “lavorare online” per crearsi un’alternativa professionale mobile e indipendente, ma sono bloccate in lavori che odiano perché non riescono a trovare la loro “vera vocazione”.

Del resto gli esperti hanno sempre detto che la chiave per il successo è distinguersi, puntando sulla specializzazione professionale, scegliendo una nicchia di mercato ben precisa in cui posizionarsi e rinunciare a tutto il resto.

Il problema è che molte persone sono paralizzate proprio dalla pressione di doversi specializzare o di dover “scegliere qualcosa”. Spesso sono riluttanti a impegnarsi su un percorso per la paura di dover ignorare o rinunciare ai tanti interessi o alle diverse passioni che sono parte integrante della loro personalità.

E se l’alternativa fosse valorizzare la propria multipotenzialità?

Emilie Wapnick espone molto bene questo concetto e propone un modo diverso di pensare il lavoro, spingendo le persone con tante passioni e con interessi molteplici a integrare tra loro le diverse propensioni, partendo da un concetto molto semplice: l’innovazione e le nuove idee nascono nelle intersezioni.

Invece di chiederti “qual è la mia unica vera vocazione nella vita?”, Chiediti “quali sono le molte cose che vorrei sperimentare prima di morire?”

E se avesse ragione lei?

(Durata 12’26” – Video sottotitolato in Italiano)

.

Emilie Wapnick ha scritto anche una guida, tradotta in italiano, per aiutare i multipotenziali: “Diventa chi sei. Una pratica guida per persone creative che hanno molteplici passioni e interessi“.

«Questo libro è stato scritto per coloro che non vogliono scegliere un solo settore e abbandonare tutti gli altri interessi che hanno. È per i curiosi, per quelli che provano gioia nell’apprendere nuove cose, nel creare e nel formare, nell’intersezione tra diverse identità. Non siete obbligati a scegliere una sola strada. Questo è il grande segreto che nessuno vi racconta».


Tu come la pensi?



Foto credit: Shutterstock



Potrebbero Interessarti Anche:

Letture Consigliate:


  • Lenny Blandino

    Ben detto Lorenzo!

  • marie

    Buongiorno !!!
    A seguito di numerosi respingimenti di file da parte delle banche ho avuto il mio prestito di 80.000 euro tramite la pensione della signora Patricia che mi ha messo in contatto con una donna integrata di nome COEURU LUCIE. Inizialmente non ci credevo ma la mia curiosità mi spinse a provare e finalmente dopo aver pagato le uniche tasse richieste ho avuto il mio prestito. A partire da oggi contatta la sig.ra COEURU LUCIE
    (coeuru.lucie@gmail.com o Whatsapp: +22 967 380 578) per le richieste di prestito È grazie a questa signora che la vita sta sorridendo di nuovo

  • Pingback: Io sono multipotenziale? – La zia writer()