Vivere e Lavorare Online Viaggiando: 5 Aspetti Positivi e 5 Negativi

Fare il nomade digitale non è sempre facile! Ci sono molti aspetti da considerare prima di intraprendere questo percorso. Ecco quali sono secondo me gli aspetti positivi e negativi di vivere e lavorare online viaggiando per il mondo!

Gianluca Orlandi

Gianluca Orlandi: Nel 2009 ho lasciato un posto di lavoro a tempo indeterminato e sono partito, prima per le Canarie poi per Londra e la mia mente non si è più fermata. Amo rimettermi in gioco, fare un salto nel buio, viaggiare spendendo il meno possibile e buttarmi nelle idee che ogni giorno affollano la mia testa.

Pubblicato il: 2 Dicembre 2014 | Categoria:

Stai pensando di intraprendere una carriera da nomade digitale e viaggiare per il mondo mentre lavori online ai tuoi progetti o a quelli dei tuoi clienti? Bene, sono felice per te perchè sarà sicuramente un’esperienza fantastica!

Quello che sto provando sulla mia pelle in questo primo anno di nomadismo digitale è un sogno che si sta realizzando piano piano. Ho lasciato un posto di lavoro fisso a Settembre 2013 e da allora ho viaggiato negli Stati Uniti, in Messico e in Thailandia lavorando online a progetti personali e con alcuni clienti.

Ho fatto del viaggio e del cambiamento ormai una filosofia di vita, e avere la possibilità di spostarmi quando sento la necessità di farlo senza dover rinunciare al mio lavoro è un obiettivo che sto raggiungendo nonostante non sempre sia facile.

Per questo motivo, prima di partire in quarta e prenotare un biglietto di sola andata per il paese dei tuoi sogni, oppure immaginarti su di una spiagga con il tuo laptop in mano, ci sono molti aspetti, sia positivi che negativi, che devi valutare.

In questo articolo voglio a provare ad analizzare tutti i punti favorevoli e ovviamente anche gli aspetti meno semplici da affrontare quando decidi di mollare tutto e cambiare vita non una, due o tre volte e ricominciare da capo in un nuovo paese.


Gli Aspetti Positivi di Vivere e Lavorare Online Viaggiando


  • 1) La possibilità di spostarsi liberamente: Questo è sicuramente uno degli aspetti che amo maggiormente. La libertà di fare i bagagli quando sento la necessità di cambiare scenario è fondamentale per rimanere produttivo e continuare a lavorare con una marcia in più. Non essere legato ad un luogo fisico da un lavoro dall 9,00 alle 18,00 è un vantaggio che aiuta sicuramente a mantenere la propria creatività ad alti livelli.

  • 2) L’insicurezza di un lavoro a tempo determinato: Lo so, stai pensando a questo aspetto come ad una cosa negativa, ma ti assicuro che non lo è affatto. Siamo stati abituati fin da giovani a cercare un posto di lavoro a tempo indeterminato e tenercelo stretto per tutto il resto della nostra vita, per poi magari arrivare a 30 anni poco motivati e stanchi di fare sempre la stessa cosa. Non avendo però questo tipo di sicurezza sei più portato a reinventarti e tenere la tua mente attiva, cercando sempre alternative per guadagnarti da vivere. Sono ormai convinto che un posto di lavoro fisso può essere molto più pericoloso per una persona che tende ad adattarsi all’idea di avere una sicurezza economica nella sua vita.

  • 3) Imparare nuove lingue e conoscere nuove culture: Sia che decidi di fermarti in una nuova città per pochi giorni, settimane oppure mesi, sarai costretto a imparare nuove abitudini, conoscere altre usanze e nella maggior parte dei casi, parlare una lingua differente dall’italiano. Uscire dalla tua comfort zone ti aiuterà ad essere più socievole e a stringere tante nuove amicizie internazionali. Viaggiare indubbiamente porterà a farti tanti nuovi amici in giro per il mondo, sia che viaggi da solo piuttosto che con il tuo partner o con amici.

  • 4) Imparare a viaggiare leggero: Imparerai a portare con te solo lo stretto necessario, lasciando a casa tutte le cose inutili che non puoi inserire nel tuo bagaglio o zaino. Io ad esempio ho venduto su Ebay tutto quello che in questo anno ho dovuto lasciare a casa per motivi di spazio e comodità; ora vivo con poco, ma grazie a questo ho imparato a non spendere inutilmente i miei soldi in vestiti firmati o alla moda.

  • 5) Dare importanza alle esperienze piuttosto che alle cose materiali: Indubbiamente viaggiare in altri paesi ti aiuterà sempre di più a riconsiderare quelle che sono le tue priorità. Se decidi di viaggiare in paesi considerati più poveri, ti accorgerai che spesso è più importante regalare un sorriso piuttosto che acquistare l’ultimo telefonino perchè va di moda.


Gli Aspetti Negativi di Vivere e Lavorare Online Viaggiando


  • 1) Difficoltà a trovare connessioni internet veloci ed affidabili: Internet sarà la tua nuova ossessione. Dovrai per forza avere bisogno di una rete Wifi per poter lavorare ed essere disponibile con eventuali clienti. Cercherai hotel, ostelli e appartamenti contattando direttamente le strutture, e leggendo le recensioni farai attenzione ai commenti riguardanti internet. In ogni luogo pubblico chiederai subito la fatidica password per accedere a Internet e controllare le mail o pubblicare un post sulle tue pagine di Facebook. Anche se ormai Internet è disponibile quasi ovunque, non sempre è veloce come speravi. Ecco perchè sarai letteralmente ossessionato da questo aspetto.

  • 2) Non avere una dimora fissa: A lungo termine, continuare a viaggiare e spostarti può essere stancante. Cambiare alloggio ogni mese può mettere a dura prova anche gli spiriti più erranti e alla lunga rimpiangerai il fatto di non avere un tetto familiare dove tornare alla fine della giornata.

  • 3) Sarai meno interessato a monumenti e più concentrato sul tuo lavoro: Quando sei on the road da diversi mesi perderai quell’interesse e curiosità tipica del viaggiatore, quindi potrà capitare che non visiterai un museo o una piazza semplicemente perchè sei stanco. Oppure ti trovi in una città ma devi portare a termine un progetto e non puoi fare il turista come avevi programmato. In entrambi i casi devi trovare il giusto compromesso; svegliati presto e lavora fin dalle prime ore del mattino, per avere più tempo di esplorare la tua nuova città, oppure semplicemente non dedicarti alle classiche attività turistiche ma cerca alternative come eventi, camminate, mostre etc etc.

  • 4) La solitudine: Soprattutto quando viaggi da solo, la solitudine è sempre dietro l’angolo. All’improvviso ti mancherà il tuo amico/a di infanzia e non c’è niente che puoi fare perchè in quel momento si trova a migliaia di km di distanza. Quindi arrivi in una nuova città e devi nuovamente conoscere gente e stringere delle relazioni con persone sconosciute. Anche questo aspetto alla lunga può essere stancante e ripetitivo.

  • 5) Ricominciare da capo in ogni città: Arrivi in una nuova città e devi improvvisamente ricominciare tutto da capo. Quale sarà la migliore compagnia telefonica? Come fare ad usare i mezzi pubblici? Dove si trova questo o quel servizio? Reinventarti in ogni nuova nazione può essere un’arma a doppio taglio. Cerca il tuo equilibrio e fermati più tempo in una città, viaggia lentamente e non affrettare gli spostamenti se ti trovi bene in un determinato luogo. Ricorda che nessuno ti corre dietro e sei libero di decidere dove stare secondo le tue esigenze!


Questi sono tutti gli aspetti che ho dovuto affrontare in questo primo anno di nomadismo digitale, e come vedi non sempre è facile riuscire a conciliare viaggio e lavoro.

Devi trovare un equilibrio personale e dare priorità al lavoro, perchè altrimenti non potrai continuare a viaggiare come sognavi.

Ma il bello di questo stile di vita è anche il senso di sfida a cui ogni giorno ci si trova davanti, e superare le proprie paure e riuscire ogni giorno a continuare questo strano cammino è una sensazione impagabile!

Quali sono invece gli aspetti che hai dovuto affrontare o quelli che ti spaventano maggiormente se stai pensando di intraprendere la tua carriera da Nomade Digitale? Scrivimi nei commenti e ne discutiamo insieme.



Potrebbero Interessarti Anche: