La Prima Workation Professionale per Nomadi Digitali

C’era bisogno di qualcosa di diverso! Mettiti comodo perchè voglio raccontarti tutta la storia di dove, come e perchè nasce la prima Workation professionale per Nomadi Digitali, un progetto ad alto tasso di innovazione.

Alberto Mattei

Alberto Mattei: Col mio spirito giramondo e anticonformista sto capitanando Nomadi Digitali, un'emozionante avventura umana e lavorativa che ho fondato per il desiderio di realizzare il sogno di una vita e dopo un caldo, sorprendente e indimenticabile viaggio in Messico. Voglio dare grandi ali a questo progetto e fargli raggiungere inaspettati traguardi.

Pubblicato il: 28 aprile 2017 | Categoria:

E’ iniziato il conto alla rovescia per la prima “Workation Professionale per Nomadi Digitali”, che si terrà nel maggio prossimo a Ragusa, in Sicilia. L’obiettivo è sfruttare la creatività e le competenze dei nomadi digitali per lanciare sul web il marchio Consumelessmed, attraverso una campagna di comunicazione realizzata proprio durante il periodo di lavoro e vacanza.

Lavoro e vacanza? Come sarebbe? Eh già, Workation è un neologismo inglese che nasce dalla fusione di work (lavoro) e vacation (vacanza). In teoria il concetto è molto semplice, si tratta della possibilità di continuare a lavorare stando in vacanza.

Lo so, detta così può sembrare una contraddizione in termini, e in parte lo è, ma scommetto che se ti spiego tutto dall’inizio ti accorgerai di quanto sia innovativo e concreto questo nuovo modo di lavorare godendo della bellezza di una vacanza.


Che Cos’è Realmente Una Workation?

Se è vero che oggi grazie a Internet un professionista indipendente è libero di lavorare dove vuole e quando vuole, perchè invece di farlo in città o da un tradizionale luogo di lavoro non può scegliere di farlo in un luogo e in strutture tipicamente destinate alle vacanze e al relax?

Quello delle Workations è un trend in forte crescita. Sul Web, sono molti quelli che oggi offrono pacchetti turistici per nomadi digitali e remote workers. Pacchetti che normalmente includono un alloggio, uno spazio di lavoro condiviso, attività varie e soprattutto un’esperienza di viaggio, di vacanza e di socializzazione.

Insomma un segmento del mercato turistico
rivolto a freelance, creativi e imprenditori digitali che sta letteralmente esplodendo e offre nuove e interessanti opportunità agli operatori del settore.

Avendo dedicato gli ultimi anni della mia vita a studiare questo fenomeno, trovo molto interessante che i Nomadi Digitali siano, finalmente e a tutti gli effetti, diventati un nuovo target verso cui veicolare offerte e servizi creati su misura per le loro esigenze.

Guardando però con maggiore attenzione a questi pacchetti turistici e offerte di Workations mi sono chiesto: perchè mai un nomade digitale, freelance o imprenditore che sia, dovrebbe spendere centinaia o migliaia di euro per acquistare una vacanza e poi continuare a lavorare?

Le risposte che mi sono dato sono diverse e contrastanti tra loro.

Secondo me i vantaggi di una workation sono innegabili, come ad esempio: la possibilità di viaggiare senza doversi organizzare più di tanto, trovare condizione idonee e connessioni affidabili per continuare a lavorare ma in modo più rilassato, stringere nuovi legami, dialogare e confrontarsi faccia a faccia con altri freelance e professionisti nomadi digitali, in contesti diversi rispetto a quelli dei tradizionali spazi di lavoro.

Al tempo stesso, riguardo il successo che le workation stanno riscontrando, nasce spontanea una riflessione: non è per caso che i professionisti digitali di oggi siano così a corto di tempo per concedersi una vera vacanza e la “workation” diventi l’unico compromesso accettabile? Questo sarebbe un segnale piuttosto inquietante del nostro tempo.

Comunque , pensando molto e riflettendo attentamente sul concetto di vacanza – lavoro digitale, mi è venuta in mente un’idea nuova per una Workation diversa!

Perchè invece di proporre semplicemente un pacchetto turistico/ricreativo per nomadi digitali non sfruttare questo format innovativo per creare qualcosa di nuovo, di diverso, più utile, interessante e meno dispendioso?


Perchè Organizzare Una Workation Professionale?

“La creatività è la naturale estensione del nostro entusiasmo.”– F. Nightingale –

Ho sempre creduto che nel momento in cui noi ci immergiamo in un contesto tranquillo e rilassato, magari a contatto con la natura e staccando la spina da quelli che sono le nostre abitudini e i nostri tradizionali ritmi di lavoro, la creatività esploda.

Il motivo è che per creare tutti noi abbiamo bisogno di stare bene, trovare quello spazio fuori e dentro di noi dove nascono le idee migliori.

E allora perchè non sfruttare questa possibilità per mettere insieme creativi e professionisti digitali con l’obiettivo di sviluppare progetti innovativi in contesti diversi rispetto a quelli tradizionali e al tempo stesso contaminarsi reciprocamente, in più scoprendo nuovi luoghi, culture e tradizioni diverse?

I progetti innovativi che è possibile sviluppare partendo da questo nuovo paradigma, possono essere molti e coinvolgere tanti professionisti mobili con competenze, talenti e abilità diverse.

Credo inoltre che oggi più che mai sia importante dare un riconoscimento ufficiale ai nomadi digitali, soprattutto in Italia, dove le iniziative personali di autoproclamati ‘guru’ del nomadismo digitale, hanno abbassato il livello del dibattito sui nomadi digitali, screditandone la reputazione.

Così, questa categoria di professionisti rischia di apparire come una generazione di fuggiaschi, a cui spaventa parlare di serietà, professionalità ed efficienza, il cui unico scopo sembra essere quello di vagabondare per il mondo, lavorando il meno possibile, piuttosto che essere riconosciuti come professionisti esperti, seri e qualificati.

Sono questi i motivi che mi hanno spinto a pensare ad una “Workation Professionale”, che potesse essere diversa e non servisse semplicemente a mostrare a chi lavora duramente ogni giorno quanto sono belli, fichi e rilassati i nomadi digitali.


Come e Dove Nasce la Prima Workation Professionale per Nomadi Digitali

La prima Workation professionale per nomadi digitali – che si terrà a Ragusa in Sicilia dal 3 al 12 Maggio 2017 – nasce da una chiacchierata che apre curiosità e stimoli, fino a creare una piccola comunità che inizia a seminare idee e conoscenze.

Il luogo è la spiaggia di Sampieri, un piccolo borgo marinaro in provincia di Ragusa (nella Sicilia sud orientale), costituito da un grazioso villaggio di case in pietra e stradine lastricate, dove da un paio di anni ho scelto di fare base.

In una giornata calda passeggiando sulla spiaggia di Sampieri con Barbara Sarnari, responsabile del settore ambiente e project manager di Svimed, (onlus siciliana che si occupa di progettazione e implementazione di progetti di sviluppo sostenibile per il territorio sia a livello nazionale che europeo) le racconto del mio lavoro, della nuova generazione di professionisti che hanno scelto di lavorare “liberi” di muoversi, portandosi in una valigia il proprio “mestiere”.

Le parlo delle Workation, ovvero della possibilità di trascorrere un periodo di tempo produttivo in un luogo, normalmente meta turistica, per apprezzarne il patrimonio storico, naturalistico, culturale, pur continuando a lavorare ma con stimoli decisamente diversi.

Lei stessa mi dice:…pensandoci bene è vero, anche io qualche anno fa mi sono concessa una “vacanza” di un mese negli States e attrezzata di computer ho scritto un progetto, dalla mansarda di amici che mi ospitavano a German Town, vicino Hutson. Quindi? Si può fare, perché no?

Barbara e le sue colleghe si occupano da anni di salvaguardia dell’ambiente e negli anni hanno trasferito tante buone pratiche in queste terre siciliane.

Per loro stessa ammissione, il loro prezioso lavoro ha ancora una grande carenza: manca di strategie forti di comunicazione e marketing che coinvolgano tanto i cittadini quanto i turisti, che animano le coste siciliane soprattutto nella stagione estiva.

Chi meglio di professionisti freelance che vivono da “viaggiatori” sia nella realtà sia sui social, possono aiutare a comunicare e dare forza ad un progetto che, a livello internazionale, si impegna a ridurre gli sprechi delle risorse e la produzione dei rifiuti nel settore turistico? Come fare?

Organizziamo una WORKATION professionale!

Così insieme a Barbara, attraverso una collaborazione nata tra Svimed Onlus e Nomadi Digitali , abbiamo deciso di presentare un progetto per finanziare, (grazie a fondi dalla comunità Europea nell’ambito del programma Interreg MED), la prima Workation professionale per nomadi digitali.

L’obiettivo è sfruttare la creatività e le competenze dei nomadi digitali per lanciare sul web, il marchio Consumelessmed, un progetto di cooperazione internazionale per promuovere sulle coste del Mediterraneo un modello di turismo sostenibile che punta alla riduzione dei consumi di acqua, energia e rifiuti e alla salvaguardia del patrimonio storico, naturale e culturale delle nazioni coinvolte.


Chi Sono i Nomadi Digitali che Parteciperanno alla Workation?

Il progetto è stato presentato ufficialmente a Malta, nel mese mese di gennaio.

Nei mesi successivi Svimed, Centro Euromediterraneo per lo Sviluppo Sostenibile, partner del progetto Consumeless ha creato un avviso pubblico per selezionare i professionisti che avrebbero parteciperanno alla prima Workation professionale per Nomadi Digitali (le selezioni si sono chiuse il 30 marzo).

Regolarmente retribuiti con un contratto di collaborazione, i Nomadi Digitali selezionati per far parte del team dovranno progettare e sviluppare una piattaforma web per ospitare i contributi in storytelling, testuali e audiovisivi delle 5 nazioni partner del progetto (Malta, Italia, Spagna, Grecia e Albania). Sarà ideata una campagna di comunicazione social per diffondere il marchio e le buone pratiche di turismo sostenibile.

Ecco chi Sono i Membri del Team

workation-professionale-team


I Luoghi della Workation Saranno…

La woraktion si svolgerà nel comune di Ragusa, città partner del progetto europeo.

Saremo in un luogo ricco di storia, cultura, paesaggi e tradizioni, ci aspettano paesi come presepi, città dal fascino insolito, spaccati di un’altra epoca e la solarità, gentilezza e disponibilità dei siciliani…oltre chiaramente al mare, ai prodotti tipici e alle ricette della cucina siciliana, famosa in tutto il mondo per la varietà ed unicità dei propri piatti . I prodotti che consumeremo saranno chiaramente tutti biologici e a Km0, e ci verranno forniti dai produttori locali .


La Nostra Base Operativa

Per 10 giorni Villa Magda a Marina di Ragusa sarà la nostra casa e il nostro spazio di coworking. Sarà la nostra base da dove partiremo per andare alla scoperta del territorio Ibleo e dove svilupperà il progetto.


Come Puoi Seguirci

Insieme ai partner del progetto e al team abbiamo deciso di aprire le porte di Villa Magda e di portarti in giro per quel magnifico angolo di Sicilia che sarà insieme la meta e l’obiettivo della nostra workation.

Potrai seguire la nostra avventura su Facebook, partecipando all’evento: Workation Professionale per Nomadi Digitali.

Potrai conoscere il team, vedere come si svolgerà il nostro lavoro e interagire in diretta con noi.

Puoi seguirci anche tramite gli hashtag ufficiale:

  • #WorkationNomadiDigitali2017



A me non resta che salutarti e invitarti a seguirci e a sostenere i Nomadi Digitali in questa magnifica esperienza di vacanza- lavoro.



Foto credit: Shutterstock