Travel Designer: Una Professione per Viaggiatori e Nomadi Digitali

Il travel designer (letteralmente designer di viaggio) è una professione emergente per chi sogna di coniugare il proprio lavoro con la passione per i viaggi e il nomadismo digitale

Alberto Mattei

Alberto Mattei: Col mio spirito giramondo e anticonformista sto capitanando Nomadi Digitali, un'emozionante avventura umana e lavorativa che ho fondato per il desiderio di realizzare il sogno di una vita e dopo un caldo, sorprendente e indimenticabile viaggio in Messico. Voglio dare grandi ali a questo progetto e fargli raggiungere inaspettati traguardi.

Pubblicato il: 27 Agosto 2019 | Categoria:

Una delle principali motivazioni che spinge molte persone, soprattutto tra nuove generazioni, ad avvicinarsi al nomadismo digitale è senz’altro il sogno di poter vivere viaggiando senza rinunciare alle proprie ambizioni professionali.

Ma è davvero possibile essere costantemente in viaggio e al tempo stesso continuare a svolgere il proprio lavoro e crescere professionalmente?

Sì, nell’era del nomadismo digitale è realmente fattibile, ma al tempo stesso non è né facile né comodo.

Il lavoro da remoto offre oggi altrettante opportunità di carriera o di crescita professionale dei lavori tradizionali, con il vantaggio di poter lavorare ovunque e di essere molto più liberi. ( Se vuoi saperne di più: Guida Completa alle Opportunità di Carriera e di Crescita Professionale per Lavoratori da Remoto e Nomadi Digitali)

È importante capire però che esiste una sostanziale differenza tra essere liberi di poter vivere e lavorare ovunque e l’essere costantemente in viaggio!

Come Nomadi Digitali abbiamo sempre la possibilità di scegliere il luogo migliore da cui lavorare. Possiamo spostarci altrove se e quando ne sentiamo il bisogno, ma viaggiare in continuazione e al tempo portare avanti il proprio lavoro non è assolutamente facile, al contrario può diventare molto stressante e in alcuni casi addirittura impossibile.


Vuoi Fare del Viaggio il Tuo Lavoro e il Tuo Stile di Vita?

Se il tuo sogno è diventare un Nomade Digitale che vive e lavora costantemente in viaggio, il mio consiglio è quello di sceglierti una professione o un’attività gestibile da remoto che tragga dal viaggio stesso la sua linfa vitale.

In questo modo non sarai costretto a dover costantemente mediare tra il tempo da dedicare al tuo lavoro e quello da dedicare alla tua passione per i viaggi, l’esplorazione e per la scoperta.

Sono alcune delle professioni più diffuse tra i Nomadi Digitali, che amano essere costantemente il movimento e vogliono fare del viaggio a tempo indeterminato il proprio stile di vita e di lavoro.


Chi è il Travel Designer?

Una delle figure professionali che si sta sviluppando in questi anni che corrispondono alle aspirazioni di chi ama viaggiare è quella del Travel Designer.

Il Travel Designer è prima di tutto un viaggiatore. Il suo lavoro consiste nell’ organizzare viaggi per altri, creando un’offerta turistica esperienziale in modo originale, unico e creativo.

Come dice la parola stessa, è un professionista che disegna itinerari ed esperienze di viaggio uniche e altamente personalizzate, partendo dalle esigenze e dagli interessi dei propri clienti e offrendo la risposta più adeguata alle richieste di viaggiatori sempre più esigenti.

A differenza dell’agente di viaggio che lavora come intermediario e dei tour operator che creano e vendono pacchetti di viaggio, il Travel Designer è un consulente creativo che mette a disposizione degli altri (privati, tour operator o aziende che operano nel settore turistico), la propria esperienza di viaggiatore, la conoscenza dettagliata dei luoghi, le sue competenze e conoscenze tecniche legate al mondo del turismo. Non ha un catalogo ma ascolta, non rivende ma crea itinerari ed esperienze di viaggio autentiche, create ad hoc per soddisfare le esigenze dei propri clienti.


Perchè dell’Industria del Turismo ha Sempre Più Bisogno del Travel Designer?

“Un prodotto turistico si acquista, ma è l’esperienza che si vive ad essere ricordata nel tempo”

Il concetto di viaggio e di turismo, negli ultimi 15 anni dell’era digitale ha subito dei cambiamenti che possiamo definire epocali! Non è cambiato solo il modo in cui le persone, scelgono e acquistano un viaggio o una vacanza, ma è cambiato radicalmente il modo di vivere l’esperienza turistica.

Un tempo l’esperienza turistica era concepita unicamente come una vacanza, ovvero una pausa ed evasione dalla routine quotidiana. I turisti chiedevano vacanze in contesti eccezionali, dove ripetere i rassicuranti riti e trovare gli stessi servizi lasciati a casa.

Il turista e viaggiatore di oggi non si limita più ad apprezzare la bellezza di una location, ma vuole tornare a casa con un ricordo memorabile, unico, un’esperienza che gli abbia permesso di conoscere e vivere a pieno la tradizione di quel determinato paese.

La differenza quindi, non la fa più tanto la destinazione/location, quanto le esperienze che si possono vivere in relazione alle esigenze che si vogliono soddisfare.

I’Experience Travel Designer trasforma i desideri del viaggiatore (o del gruppo di viaggiatori) in un programma di viaggio personalizzato, cucito su misura intorno alle sue esigenze.

Prima di proporre un viaggio, raccoglie informazioni dettagliate, ascolta le richieste, cerca di capire le abitudini, i gusti, le paure e cosa realmente stanno cercando il sui potenziali clienti. Una volta fatto questo lavoro inizia ad immaginare un itinerario basato su esperienze di viaggio ad hoc, in grado di proiettare i viaggiatori verso identità parallele, mentre si immergono nei luoghi che li ospitano.

I vantaggi per l’industria turistica – che ha così modo di rivolgersi a figure professionali in grado di organizzare e proporre itinerari ed esperienze altamente personalizzate, soluzioni di viaggio autentiche e uniche – sono facilmente intuibili e vanno dalla possibilità di destagionalizzare a quella di veicolare in maniera diversa, un territorio e la propria offerta con l’obiettivo di proporre l’esperienza di viaggio ottimale!

Probabilmente i Nomadi Digitali professionisti del experience travel design, saranno presto la soluzione ottimale per affidare la pianificazione di un viaggio a qualcuno che accoglie le tue richieste, le ascolta, e le capisce fino in fondo perché anche lui sa cosa serve per viaggiare al meglio. È semplice: si chiama empatia e la impariamo soprattutto quando ci prendiamo cura delle situazioni che viviamo e assecondiamo per ascoltare ciò di cui realmente abbiamo bisogno per vivere viaggiando!



Potrebbero Interessarti Anche:


Letture Consigliate: