Lavorare da Remoto: Scopri Cosa Stanno Cercando i Datori di Lavoro

La maggior parte delle aziende che offrono la possibilità di lavorare da remoto, oltre a valutare le competenze professionali, ricerca due caratteristiche principali nel candidato ideale.

Alberto Mattei

Alberto Mattei: Col mio spirito giramondo e anticonformista sto capitanando Nomadi Digitali, un'emozionante avventura umana e lavorativa che ho fondato per il desiderio di realizzare il sogno di una vita e dopo un caldo, sorprendente e indimenticabile viaggio in Messico. Voglio dare grandi ali a questo progetto e fargli raggiungere inaspettati traguardi.

Pubblicato il: 10 luglio 2018 | Categoria:

Mentre la rivoluzione smart working purtroppo non è ancora penetrata a fondo nel mondo delle imprese italiane, soprattutto in quelle più piccole, a livello internazionale sono sempre di più le aziende che offrono ai propri dipendenti e collaboratori la possibilità di lavorare da remoto.

Per il quinto anno consecutivo, FlexJobs (la famosa piattaforma americana di recruitment), ha pubblicato una lista con le 100 migliori aziende al mondo che offrono questa opportunità.

Ogni giorno inoltre appaiono sul web nuove piattaforme e siti dove è possibile trovare annunci e offerte di lavoro da remoto, part time o full time.

La competizione per i lavori a distanza è molto alta. E’ dimostrato infatti che gli annunci di aziende distribuite che offrono opportunità di lavoro da remoto ricevono in media sei volte più candidature rispetto alle offerte di lavoro tradizionali.


Cosa Sono le Aziende Distribuite?

Un’azienda distribuita è un’azienda che non ha uffici centralizzati. I dipendenti sono svincolati dall’obbligo di avere una sede fissa di lavoro, un cartellino da timbrare e una scrivania assegnata dove sedersi ogni giorno. Lavorano fuori dall’ufficio, possono lavorare da casa, nei coworking o da qualsiasi luogo essi preferiscano farlo.

In alcune delle più moderne aziende distribuite spesso viene lasciata massima libertà alle persone di lavorare dove, quando e quanto vogliono, senza alcun vincolo di orario e luogo di lavoro. L’unica cosa che ha importanza sono i risultati che i lavoratori sono in grado di produrre e gli obiettivi che riescono a raggiungere. All’interno di queste aziende lavorano persone provenienti da diversi paesi del mondo e spesso i team sono sparsi su più continenti.

Occorre fare però una distinzione per comprendere le differenze tra aziende completamente o parzialmente distribuite.

Un’azienda completamente distribuita è un’azienda dove tutti – manager, dipendenti e collaboratori – lavorano da remoto. Alcuni di loro potrebbero vivere nella stessa città e condividere temporaneamente uno spazio di lavoro, ma per la maggior parte tutti i membri del team vivono e lavorano da luoghi e paesi diversi.

Le aziende parzialmente distribuite sono invece le aziende con 1 o più lavoratori remoti e altri che invece lavorano nelle sedi aziendali. Queste aziende potrebbero descriversi come “remote friendly” o “remote flexible”.


Un Vantaggio per le Aziende Distribuite

Le aziende distribuite che adottano metodologie di lavoro a distanza hanno il vantaggio di poter accedere ai migliori candidati su scala globale, senza doverli reperire a livello locale. Possono espandere la ricerca dei profili più qualificati indipendentemente dalla posizione geografica o dalla disponibilità del candidato a trasferirsi.

Per questo motivo le aziende distribuite sono molto attente a chi stanno assumendo e hanno normalmente dei piani di onboarding (l’ultimo step del processo di recruiting) molto ben strutturati.

Il processo di assunzione all’interno di questa aziende richiede candidati preparati, brillanti ma soprattutto allineati culturalmente a questo modo di lavorare più flessibile, dove la fiducia si sostituisce al controllo e alla supervisione continua.


Il Segreto del Successo

Il segreto del successo di un team di lavoro a distanza è nella comunicazione. Questo riguarda sia le abilità comunicative e organizzative delle singole persone coinvolte, sia l’utilizzo di strumenti che permettano a tutti i membri del team di comunicare tra loro per collaborare e lavorare insieme su obiettivi comuni, pur essendo in luoghi, paesi e spesso fusi orari diversi.

Per le aziende che operano da remoto è indispensabile individuare le risorse giuste, che abbiano quindi delle spiccate doti comunicative, un’ottima capacità di organizzazione personale e di problem solving, capacità di lavorare autonomamente e una buona conoscenza di software e strumenti digitali che permettono di lavorare efficacemente in team e da remoto.

Un ottimo esempio di azienda distribuita è Automattic che occupa 751 dipendenti a tempo pieno in 66 paesi diversi, distribuiti in oltre 473 città in tutto il mondo. La lingua ufficiale è l’inglese, ma i membri del team parlano 81 lingue diverse e il 49% di loro parla più di una lingua.


Cosa Stanno Cercando i Datori di Lavoro da Remoto?

Oltre a valutare le competenze professionali necessarie a ricoprire un ruolo piuttosto che un altro, la maggior parte dei datori di lavoro da remoto ricercano due caratteristiche principali nei candidati ideali:

1) Persone affidabili

2) Persone che amino davvero il proprio lavoro.

Persone Affidabili

I datori di lavoro delle aziende che adottano il lavoro da remoto come modalità principale devono poter riporre la massima fiducia in ogni membro del team e accertarsi che ogni collaboratore sia in grado di svolgere in maniera autonoma il proprio lavoro, al meglio delle sue possibilità e senza una diretta supervisione.

La fiducia nelle persone che lavorano da remoto è infatti il fattore chiave per il successo di un’azienda distribuita.

“L’attenzione non dovrebbe essere sul controllo se qualcuno sta lavorando o no. Quello che è importante è il risultato finale e il suo impatto sul business.” – Mark Mortensen.

In un colloquio per un lavoro a distanza, bisogna saper dimostrare la propria affidabilità e non aver mai paura di essere se stessi. Unicità e diversità sono caratteristiche importanti che vengono valutate molto attentamente. Persone diverse provano approcci diversi e questo sviluppa l’organizzazione in un processo di miglioramento continuo.

I reclutatori sono interessati a capire se sei una persona sulla quale loro possono contare. Essere trasparente ti aiuta ad aumentare la tua credibilità e la fiducia nei tuoi confronti.

Molto probabilmente in un colloquio di lavoro a distanza, il tuo interlocutore sarà più interessato a parlare di te come persona, piuttosto che dei tuoi titoli ed esperienze professionali.

Molti recruiter di aziende distribuite hanno sviluppato un’elevata intelligenza emotiva e sono in grado di capire se sei una persona sincera e quali sono le reali motivazioni che ti spingono a lavorare da remoto e a collaborare con loro.

Hobby, interessi, benessere e felicità personale sono ulteriori elementi di valutazione del candidato. La produttività di un’azienda distribuita è strettamente collegata al benessere fisico, psicologico e professionale dei singoli componenti. E’ dimostrato infatti che benessere, felicità, emozioni positive possono aumentare notevolmente la qualità e la quantità della produttività nelle persone che lavoro da remoto e non solo.

Persone che amino davvero il proprio lavoro

Le aziende remote vogliono persone appassionate di quello che fanno.

Se stai pensando di candidarti per un lavoro da remoto solo perchè sei stufo di andare in ufficio, ma in realtà non sei appassionato al tuo lavoro, evita di farlo, rischieresti solo di complicarti la vita e peggiorare ulteriormente la tua situazione professionale invece di migliorarla.

L’unico modo per fare un ottimo lavoro, è amare quello che fai. – Steve Jobs –

I datori di lavoro da remoto non cercano solo candidati con determinate competenze ed esperienze, sono alla ricerca di persone che amano far quel dato lavoro.

La passione che i dipendenti provano per il proprio lavoro e per i propri clienti si riflette nella qualità di tutta l’azienda. Entusiasmo, perseveranza, versatilità, capacità di automotivarsi e di agire autonomamente per la risoluzione di problemi, sono caratteristiche indispensabili per chiunque aspiri a lavorare in un team da remoto.

Ecco alcune testimonianze:

“Le persone appassionate sono spesso più motivate, innovative e meno stressate, il che rappresenta un punto di forza.” – Givile Mockute, Adecco Group CFO –

“La passione è qualcosa di intangibile, tuttavia può essere percepita immediatamente dalla prima interazione.” – Givile Mockute –

“Per distinguersi dagli altri candidati, il tuo entusiasmo e la passione per il tuo lavoro possono fare la differenza.” – McDougall –

Prima di sostenere un colloquio per un lavoro da remoto cerca di capire il più possibile sull’azienda e sul ruolo che dovrai andare a ricoprire. Usa queste informazioni per scoprire dentro di te che cosa ti stimola veramente a livello professionale e personale, cerca di trasferire queste emozioni nel modo più sincero e autentico possibile.

Certo, vuoi lavorare da remoto perché desideri più libertà, maggiore flessibilità, la possibilità di vivere e lavorare ovunque, ma ricorda che questo non è ciò che conta per il datore di lavoro. A lui interessa il valore aggiunto che puoi portare nell’azienda e come puoi contribuire a migliorarla.

Quindi, invece di parlare di quanto saresti più felice di lavorare da remoto, punta sulle qualità che ti renderebbero prezioso per l’azienda e per tutto il team. Chi avrai davanti percepirà la tua passione non solo come entusiasmo per il compito che andrai ricoprire, ma anche per l’azienda stessa nella sua interezza.

Tu hai esperienze in colloqui per lavori da remoto in Team? Aiutaci ad arricchire questo contenuto con il tuo contributo e i tuoi consigli?


Foto credit: Shutterstock


Potrebbero Interessarti Anche:

Letture Consigliate: