In Viaggio alla Ricerca della Felicità

Anche tu hai iniziato il tuo viaggio alla ricerca della felicità? Ecco qualche consiglio per cominciare a costruire la vita dei sogni, partendo da dove sei e con quello che hai.

Elena Carlotta Manavis: Expat e viaggiatrice per quasi tutta la mia vita adulta e non solo, Nomade Digitale negli ultimi due anni, saltello per il pianeta con uno zainetto che contiene tutto, dai tacchi neri e i business outfit alle scarpette da arrampicata. Attivista nella causa della parità di genere, mi occupo di supportare Donne e Uomini nel costruire una carriera ed un business partendo da zero.

Pubblicato il: 18 ottobre 2016 | Categoria:

Hai mai riso con il cuore, a voce alta, come se nessuno ti potesse vedere?

Immagina lo splendido di camminare in strade piene di storia e di colori, di guidare uno scooter fra le risaie Balinesi oppure di osservare una famiglia di vecchi hippie expat mentre giocano con i loro bambini in una remota spiaggia Thailandese.

Ridendo con il cuore a Rodi. Estate ‘13

Ridendo con il cuore a Rodi. Estate ‘13

In quel preciso istante quel sentimento che non riesci a descrivere ma ti scalda il cuore si chiama “Gratitudine”, verso te e verso il mondo. Quel momento in cui ti senti che finalmente hai fatto qualcosa di giusto in un marasma di scelte discutibili.

Quello che ti sto descrivendo non è un’utopia. Non è un sogno irraggiungibile da rimandare alla prossima vita e men che meno un’istantanea del paradiso. Quello di cui ti sto parlando altro non sono che alcuni frammenti della mia vita negli ultimi cinque anni. E se ti sta balenando per la testa la frase: Che invidia! Debellala subito!

Ebbene si proprio come te in questi cinque anni in cui ho ricostruito la mia vita da zero, cominciando letteralmente con nulla ho avuto ed ho a che fare con i tuoi stessi grattacapi ( conti correnti che piangono, tasse, cuore infranto, perdita ed aumenti di peso, stress, e quant’altro).

Non ho nulla in più di te, esattamente come te che in questo momento mi stai leggendo sono un connubio di pregi e difetti, ho commesso e commetto errori e vi pongo rimedio facendo del mio meglio per inventarmene almeno di nuovi, altrimenti sai che noia?

Quindi con queste righe tutto quello che ti voglio raccontare è quello che questi anni da Nomade Digitale, imprenditrice con lo zainetto sempre pronto che saltella da un aereo all’altro, mi hanno insegnato.

Qualche consiglio utile per iniziare a costruire la vita che vuoi oggi
1. La Vita è Ingiusta

Ebbene si, possiamo indorarci la pillola con quintali di Red velvet e Cioccolata calda con Marshmellows davanti ad un camino. Eppure è così. Ci sarà sempre quella persona che avrà raggiunto risultati e posizioni immeritate, quel lavoro che non hai preso, quella storia che sarebbe stata perfetta ma non è partita. Ma non è certo un motivo per sentirsi giù o rinunciare ai propri obiettivi. Se stai leggendo quest’articolo appartieni alla minoranza umana che ha un tetto sopra la testa, del cibo in frigo, un letto caldo, un’istruzione, tecnologia ed un mare di possibilità. Bene ora sorridi e comincia a pensare al prossimo sogno da realizzare, hai tutto quello di cui hai bisogno!

2. I sogni non si realizzano da se

Negli ultimi cinque anni ho vissuto in 5 stati e viaggiato in circa 9. Ho stretto la mano a centinaia di persone. Sono stata a Party, Conferenze, Coworking, Sagre e Serate con amici appena incontrati. Non ho mai incontrato nessuno che un giorno si è svegliato con la vita sistemata ed in ordine. Nessuno di loro ha vinto la lotteria, nessuno di loro ha sposato un miliardario (okey, una di loro si, una cenerentola serve sempre ai fini narrativi, ma non sono io.) L’unica cosa che queste persone hanno fatto è stato andarsi a prendere quello che volevano, a suon di sacrifici! Non è facile ma se c’è una cosa che ti posso assicurare è che è assolutamente divertente.

3. Caro Don Chisciotte, dobbiamo parlare

La maggior parte di noi spende moltissimo tempo ed energia combattendo battaglie che non meritano di essere combattute. Immagina questo: ti svegli la mattina con una batteria totalmente carica, proprio come il tuo telefonino. Quello è quello che hai da dare durante la tua giornata. Quanta della tua energia finisce in battaglie perse? In una relazione che non ti offre più nulla? In un lavoro che non ti rende felice? Smetti di combattere con i mulini a vento e comincia a filtrare le battaglie. Basta che tu ti faccia una semplice domanda di fronte alle difficoltà della vita: Perchè lo sto facendo? Quando ci ascoltiamo le risposte le abbiamo già.

4. Sii autentico

Tu, si tu che mi stai leggendo, hai il diritto di essere amato e accettato esattamente per il divino disastro che sei. Sei unico, speciale, irripetibile. Concedi solo alle persone che ti vedono esattamente in questo modo di entrare a far parte della tua vita e di sostarvi. In questa vita non abbiamo bisogno di quantità ma di qualità, partendo proprio dai rapporti umani.

5. Tranquillo, nulla a questo mondo è sotto controllo

Ebbene si, per quanto tu possa tentare di prevedere quello che sta arrivando e tutte le potenziali evoluzioni delle tue scelte, qualcosa di assolutamente imprevisto arriverà e baaaam i tuoi piani cambieranno. Ma c’è una buona notizia: c’è qualcosa che puoi controllare e sei proprio “tu” e come reagirai agli eventi che ti arrivano. È fondamentale avere degli obiettivi chiari e definiti ed il lavoro di pianificazione ci permette di avere una mappa del viaggio che stiamo intraprendendo, ma concediti spazio all’improvvisazione, regalati qualche passeggiata fuori percorso e soprattutto non smettere mai di divertirti! Per ogni limone che la vita ti offre, porta la tequila!

6. Solo gli idioti non cambiano mai idea

Smetti di torturati cercando di vedere tutti i finali alternativi che avresti avuto compiendo scelte differenti, non lasciare che gli errori diventino un cruccio. Per quella versione di te stesso hai fatto la scelta giusta. E poi è successo che sei cresciuto, sei evoluto e con te le tue necessità, aspettative e desideri. Va benissimo così, accetta il cambiamento e lascia andare tutto ciò che non ti serve più.

7. La tua pancia ha sempre ragione

Sia che si tratti di Business sia di rapporti umani, se dalla prima stretta di mano il tuo sesto senso ti parla: ascoltalo. Tutti hanno diritto ad una possibilità, ovviamente, ma come detto nei punti precedenti, quando ci ascoltiamo veramente le risposte le abbiamo già.

8. Nessun uomo è un’isola

La vita è una ruota: tutto quello che diamo ci torna indietro. Certo molto spesso non torna dalle fonti da cui ce lo aspettavamo e nei tempi previsti, la vita non ci serve sempre quello che chiediamo ma ci fa sempre trovare quello di cui abbiamo bisogno.

Il cielo sopra Barcelona, Tarda estate ’16

Il cielo sopra Barcelona, Tarda estate ’16

E si, la strategia migliore, anche nel mondo del business è “dare per avere”. Contribuisci, condividi, collabora. Infondo non è questo il motivo per cui stai pensando o stai già saltellando in giro per il mondo?

9. La vita è fatta di piccole felicità

Una passeggiata sotto gli alberi tornando dal lavoro. Una lunga chiacchierata con uno sconosciuto scoprendo quanto si può avere in comune con una persona che non si è mai incontrata prima. Il caffè pronto che ti aspetta la mattina o il tuo barista di fiducia che già sa come lo prendi. Tutto questo è quello di cui la vita è fatta, sono una somma di piccole gocce di felicità. Godine al massimo, crea i tuoi piccoli rituali. Coltiva il culto delle piccole cose. Ogni giorno ti sveglierai felice perché sarai sulla strada giusta.

10. Smetti di cercare di controllare l’unico muscolo involontario del corpo umano

Se potessero essere ragionati non si chiamerebbero sentimenti, ma ragionamenti. Certo non sempre i sentimenti sono corrisposti, le aspettative soddisfatte. Ma se stai ancora sentendo qualcosa, sorridi, sei ancora vivo! Lasciali essere parte di te e lascia che la vita si dispieghi.


Prambanan, Yogyakarta, Jawa. Inverno ‘14

Prambanan, Yogyakarta, Jawa. Inverno ‘14

E con queste piccole regole “imparate per strada” non temere, tutto quello che capiterà durante il tuo viaggio, sia quello professionale che quello fisico, non potrà che essere una sorpresa.

Ti lascio con un massima del mio poeta preferito, proveniente da un popolo di viaggiatori e migranti che vive fra le irte montagne che si specchiano sull’Egeo, una frase che potrebbe essere un po’ il manifesto della nostra scelta di vita, quella in cui si baratta il mondo delle certezze con quello delle opportunità.

Ed è li che la magia ha inizio.

“Non mi aspetto nulla. Non temo nulla. Sono libero.”Nikos Kazantzakis



Photo credit
Young woman hiker with backpack standing on cliff – Shutterstock.com
Ridendo con il cuore a Rodi / Il cielo sopra Barcelona / Prambanan, Yogyakarta – Elena Carlotta Manavis



Potrebbero Interessarti Anche:




  • Deshi

    Viaggiare con mente aperta è davvero la migliore scuola di vita.
    In qualunque momento della nostra vita siamo, è quello giusto per stupirci e camminare con gli occhi spalancati, le orecchie tese e le braccia accoglienti.
    Alleggerendo il nostro zaino dal peso degli inutili rimpianti.
    Al momento non ho sogni da realizzare, solo piccoli progetti ancora da definire. E nel frattempo assaporare la vita minuto per minuto.
    Ma farò tesoro di queste semplici parole. 🙂

    • Elena Carlotta Manavis

      Il viaggio non sempre è fisico. Spesso si viaggia anche stando nello stesso posto, dando a noi stessi la possibilità di evolvere e di scegliere nuovi sentieri. Ed il punto di alleggerire lo zaino ed imparare a lasciare andare è fondamentale. Infondo la vita altro non è che una collezione di momenti selezioniamoli sempre con cura, ce lo dobbiamo 😉