Diventare Assistente Virtuale: Come Muovere i Primi Passi

Ecco quali sono le primissime cose da fare se vuoi diventare Assistente Virtuale e approcciare al meglio a questa nuova professione

Mary Tomasso: Adoro viaggiare, conoscere nuove culture, sperimentare cose nuove e reinventarmi. Vivo in Argentina, dal 2008 sono Assistente Virtuale e ho creato il primo corso per Assistenti Virtuali in italiano, per aiutare altre persone a crearsi una nuova professione ed essere libere di lavorare da ovunque.

Pubblicato il: 6 novembre 2013 | Categoria:

In questo articolo cercherò di rispondere alla domanda più frequente che mi viene fatta quando parlo di assistenza virtuale: Come si diventa Assistente Virtuale?

Ho già presentato questa meravigliosa professione che consente di lavorare da ovunque si voglia, e anche di gestire il proprio tempo, ora cercherò di darti qualche dritta se hai voglia di iniziare questo percorso.

Come si diventa Assistente Virtuale?

2013-11-05_160402Io ti posso parlare per esperienza personale, condividendo quello che è stato il mio percorso e quindi direi che la prima cosa da fare è senz’altro quella di formarsi.

Quando ho sentito parlare la prima volta di Assistenza Virtuale avevo già alle spalle diversi anni di esperienza come segretaria, assistente, traduttrice freelance, ma sapevo che era fondamentale imparare le basi di questa nuova professione, soprattutto capire come trasformarsi da segretaria dipendente ad imprenditrice di me stessa.

Conosco casi di persone che hanno pensato “Sono segretaria, ora inizio a fare la segretaria online”, ma purtroppo la loro attività non è andata bene e sono tornate a lavorare da dipendenti. Non ci si può improvvisare, può essere rischioso…

La prima cosa che suggerisco di fare è un’analisi interna, chiediti:

Cosa Ti Piace Fare? Qual è la Tua Esperienza, il Tuo Know-How?

2013-11-05_164434Ti piace scrivere? Magari puoi proporti come Assistente Virtuale specializzata in contenuti editoriali o blogging. Sei super organizzata? Puoi essere una perfetta Personal Assistant a distanza!

L’assistenza virtuale offre tantissime opportunità. E’ vero che in Italia alcuni profili professionali potrebbero sovrapporsi, ma io credo che ci sia spazio per tutti.

Ad esempio, attualmente i servizi di Social Media sono forniti quasi esclusivamente da Web Agency, ma forse non tutti possono permettersi i costi di una web agency, ma possono permettersi un professionista specializzato in Social Media Marketing che possa fare da Community Manager o Social Media Manager. Questo è uno dei servizi più richiesti per le Assistenti Virtuali nel mondo anglofilo e ispanofono.

Avere un’idea del tipo di servizi che ti piacerebbe fornire online, è secondo me il punto di partenza.

Trova la Tua Nicchia!

2013-11-05_164633Una volta che avrai chiaro questo punto, sarà fondamentale trovare una nicchia: a chi pensi di offrire questi servizi?

Quando io ho iniziato, non avevo ancora trovato una nicchia, secondo me è stato un grande errore ed è stato per questo motivo che i clienti non arrivavano.

Ho compreso più tardi quanto sia importante, a livello commerciale, sapere prima di ogni altra cosa quali saranno i nostri clienti, altrimenti l’attività non ha molte possibilità di ingranare.

Individuare una nicchia ti permetterà anche di proporti in maniera chiara in tutte le comunicazioni che saranno orientate a promuovere i tuoi servizi, come il sito, i Social Network, etc.

Quando ho creato il primo sito, offrivo una miriade di servizi, è un errore molto comune quello di volersi proporre come una sorta di tuttofare, perché si tende a pensare che più servizi si offrono, più possibilità ci saranno di trovare clienti.

Io ho imparato sbagliando e ho capito, che offrendo servizi specifici per poche persone, aumentano di molto le possibilità di trovare i clienti giusti, quelli che stanno cercando proprio quello che tu puoi offrire loro.

Questa è stata la mia esperienza ed è quello che mi sento di suggerirti.

Crea il Tuo Sito

sito_webDal punto di vista tecnico, invece, la prima cosa da fare secondo me è creare un sito/blog.

Ora i siti web si sono evoluti, non sono più una sorta di brochure, ma sono interattivi, in modo da offrire ai potenziali clienti soluzioni, risposte, suggerimenti, informazioni.

Mettiti nei panni del tuo potenziale cliente che sta visitando il sito: “Cosa c’è qui per me?” Cosa può fare per me questa persona?”. Questo è quello che si chiederà, quindi offri risorse gratuite, prodotti da scaricare, video, tutto quello che può rispondere alle sue domande e convincerlo che ha trovato la soluzione al suo problema.

Il blog è una parte importante del tuo sito, puoi anche non chiamare ‘blog’ quella sezione del tuo sito, ma ad esempio Articoli, Novità. La cosa importante è che tu scriva dei contenuti utili e interessanti in modo tale da attirare l’attenzione dei tuoi potenziali clienti e trasmettere la tue competenze.

Il blog all’interno del tuo sito ti aiuterà anche nell’indicizzazione di Google, in modo da avere maggiori possibilità di essere visibile nelle pagine di ricerca per determinate parole chiave che tu deciderai di utilizzerai nei tuoi testi.

Avvia la Tua Presenza Sui Social Network

2013-11-05_165316Considera che stai avviando un’attività professionale online, quindi è indispensabile che tua sia presente in tutti i Social Network più importanti.

Inizia a crearti il tuo network, ad aggiungere contatti, non in maniera indiscriminata, ma in maniera mirata.

Non pensare che se hai 5000 contatti in Facebook aumenteranno le tue possibilità di trovare clienti. A volte possono essere 10, ma mirati e tra quei 10 puoi trovare un cliente.

Ho cercato di riassumere quelli che secondo me sono i primi passi, le basi, ma non è tutto…

Il Passo Più Importante: Contatta Personalmente i Tuoi Clienti

2013-11-05_165601Pensare che con un bel sito, scrivendo articoli e pubblicando nei Social Network i clienti arriveranno, è un altro errore che ho fatto.

Ho trovato clienti grazie ai Social Network, ma la cosa più efficace è stata senz’altro il contatto diretto.

Contatta i potenziali clienti che hai individuato e offri loro i tuoi servizi. Cosa hai da perdere? Nella peggiore delle ipotesi ti dicono “No, grazie, non mi interessa.” Magari non ti rispondono, ma hai il 50% di possibilità che ti dicano “Mi interessa” e che diventino i tuoi primi clienti. Credimi, parlo per esperienza!

Cosa ne pensi di questi primi consigli? Mi piacerebbe molto sapere da te, con onestà, quali sono gli ostacoli che temi maggiormente e soprattutto cosa ti impedisce di realizzare questi semplici passi e lanciarti nella professione di Assistente Virtuale.



Potrebbero Interessarti Anche:


Come-Diventare-Assistente-Virtuale(1)



  • omar

    Grazie davvero per l’impegno e la condivisione dei contenuti dei tuoi articoli! è molto interessante e stimolante questo ruolo di VA; personalmente mi sto approcciando solo ora all’idea di un cambiamento professionale o meglio all’affiancare qualcosa di nuovo senza mollare il vecchio :-). Qual’è il tuo pensiero su un approccio step by step ad un nuovo percorso professionale come il VA? Pensi invece sia necessario un impegno full time per poterne capire le effettive concrete possibilità? Grazie per un tuo punto di vista e complimenti!

    • Mary Tomasso

      Ciao Omar,

      Grazie per il commento e i complimenti 🙂

      Io parto sempre dal presupposto che bisogna seguire “il cuore”, per così dire, cioè quello che ognuno di noi sente che è giusto, per cui il tuo approccio può essere quello giusto. Per citare Antonio Machado “Camminante, non c’è cammino, il cammino si crea camminando”.

      L’Assistenza Virtuale ha anche questo vantaggio, che si può iniziare part-time, ma si può anche continuare part-time. Ho delle colleghe che non hanno mai lasciato il loro posto fisso e hanno perfettamente integrato l’Assistenza Virtuale con il loro lavoro.

      Puoi dedicare anche solo un paio d’ore all’attività di AV e lasciare che il cammino si crei da solo. 😉

      • Sara

        Ciao Mary, sono interessata a diventare un’assistente virtuale, come devo muovermi?
        Pensi che avrà successo questo genere di lavoro?
        Grazie.

        • Mary Tomasso

          Ciao Sara,

          Per approfondire i suggerimenti già dati in questo articolo, puoi scaricarti i miei 3 video gratuiti che trovi sul sito di AssistentiVirtuali.org. Regalo anche una miniguida con consigli pratici su come iniziare.
          Direi che puoi iniziare con tutto questo materiale gratuito per entrare più nel merito della professione.
          Poi la formazione, come in qualunque ambito, è uno dei primi passi fondamentali.
          La professione dell’Assistente Virtuale ha un enorme successo in quasi tutto il mondo per cui credo che ci siano tutti i presupposti perché si affermi anche in Italia.

          Ciao, Mary

  • Barbara Igino

    Grazie per i consigli, sono molto utili, concreti e realistici. Io però, non saprei da dove iniziare! Sono stata personal assistant per un periodo di tempo in uno studio di design, ma una strana evoluzione mi ha portato ad occuparmi della parte commerciale e questo ruolo ha ormai preso il sopravvento e faccio solo quello. Sono rimasta l’assistente del titolare, ma sono anche l’unica rimasta ad occuparsi di trovare clienti. Mi viene chiesto spesso di viaggiare per il mondo e questo non coincide con i bisogno della mia famiglia. Per questo vorrei diventare imprenditrice di me stessa perché sono molto ben organizzata, perché ho sempre grandi idee per le feste, perché sono creativa, puntigliosa e adoro rendere felici gli altri. Sono iper tecnologica, faccio solo acquisti on-line, utilizzo il pc come strumento di lavoro e ho un profilo su molti social. Mi chiedo però, cosa posso fare per la gente sul web, quali sono le persone che potrei assistere? Non conosco una figura che possa avere i miei requisiti. Hai un consiglio per una persona come me? Vorrei tanto acquistare il tuo corso, ma al momento non posso permettermelo.
    Grazie mille
    Barbara

    • Mary Tomasso

      Ciao Barbara,

      Grazie del tuo commento!

      Ci sono diversi tipi di persone e profili professionali da assistere, ma secondo me il modo più semplice è partire da chi è già online, da chi già lavora e ha un business o svolge la sua attività prevalentemente online.
      Sempre ammesso che ti piaccia, suppongo di sì perché dici che sei iper tecnologica, potresti orientarti su Coach, autori, imprenditori online o marketers che hanno bisogno di assistenza online per servizi prettamente di Marketing Online.
      Se vuoi restare sul commerciale, potresti proporti come commerciale indipendente e usare il web per trovare clienti e opportunità.
      Io partirei dal definire cosa ti piace fare e studiare il mercato attuale online per vedere se c’è domanda per i servizi che vorresti offrire.
      Penso che se sei abitutata a trovare clienti per qualcun altro, non sarà un problema per te trovare clienti per te stessa 🙂
      Nel mio sito puoi registrarti per accedere a 3 video gratuiti che ti danno qualche idea in più sugli inizi, poi se hai qualche altro dubbio puoi sempre scrivermi!
      Ciao, Mary

  • Pe Arcidiacono

    complimeti

    • Mary Tomasso

      Grazie Pe! 🙂

  • Concetta

    Ho letto i commenti e sono molto allettata, mi frulla in testa questa idea da un po’.
    Io ho lavorato come segretaria dipendente per diversi anni e adesso vorrei che la mia professionalità acquisita diventasse la mia opportunità, oltretutto ho già i figli grandi e indipendenti.
    Sarei disponibile a viaggiare e a diventare imprenditrice di me stessa.
    Scaricherò i tuoi video free e ti farò sapere.
    Grazie
    Concetta

    • Mary Tomasso

      Grazie Concetta! Sono a disposizione 🙂

  • Teodra

    Buongiorno
    molto interessante questo post. è da tempo che vorrei avviarmi in questo senso ma non so mai come propormi.
    Sono laureata in Scienze della comunicazione e mi sono dilettata a sperimentarmi sul web già nel 2002 creando pg in html, blog etc ma ero lontana dall’idea che poteva diventare un lavoro. Finiti gli studi, ho svolto una collaborazione con due agenzie locali occupandomi di realizzazione testi per siti web e ottimizzazione di siti. Purtroppo mai a livello strategico ma più con funzione di mera esecutrice dei compiti.
    Ora dopo due anni di stallo (vari lavoretti tra cui promoter) voglio riprendere il discorso web e puntare sul social. Mi sto formando e vorrei avviarmi come freelance o in maniera autonoma. Nel mio caso come potrei propormi?

    • Mary Tomasso

      Ciao Teodra,

      E’ difficile rispondere così su due piedi alla tua domanda. Su che cosa esattamente vuoi puntare con i Social? Community Manager, Social Media Manager, Reputation Manager, Crisis Management? Penso che il come proporti dovresti vederlo una volta terminata la formazione e deciso in quale settore specifico operare.
      Ciao, Mary

  • Marianna

    Ciao vorrei intraprendere questa professione ma vorrei prima una formazione in merito sapresti darmi indicazione su una scuola o un corso che mi possa formare? Io abito a ravenna …grazie

  • Pingback: Guadagnare con il telelavoro tutte storie? | Blog DonneAutentiche()

  • Stefano Lussana

    Buonasera, non ho esperienza di assistenza virtuale, sono un tecnico /commerciale specializzato in disegno meccanico. Secondo voi la mia esperienza può avere un mercato come assistenza virtuale? Grazie dei consigli

    • Personalmente Stefano, Assistenza Virtuale o meno, io credo che tutte le competenze potenzialmente in grado risolvere un problema reale che le persone hanno, e per le quali sono disposte a pagare, hanno un potenziale mercato su Internet. Sul Web non contano i titoli e le etichette professionali, conta solo la capacità di saper offrire soluzioni pratiche a problemi reali!