Destinazioni per Nomadi Digitali: Chiang Mai il Quartier Generale

Ecco perché i nomadi digitali provenienti da ogni parte del mondo considerano questa città nel nord della Thailandia come il loro quartier generale.

Alessandro Sabbatini

Alessandro Sabbatini: Adoro viaggiare e rinnovare il mio scenario sempre più spesso. Le mie passioni sono la grafica, la fotografia e il video making. Ho lasciato l’Italia nel 2010 per volare prima a Londra poi in Australia, Nuova Zelanda, Thailandia e Indonesia sempre con il mio laptop al seguito alla ricerca di una professione indipendente da luoghi, abitudini e orari fissi.

Pubblicato il: 6 giugno 2013 | Categoria:

Durante il mio viaggio in giro per il mondo, continuavo a domandarmi quali fossero i reali motivi che spingessero tanti nomadi digitali a considerare Chiang Mai come il loro quartier generale. Sono molti infatti i location independents e i Web freelancer, provenienti da ogni parte del mondo, che scelgono di vivere per periodi più o meno lunghi in questa zona montuosa nel nord della Thailandia.

Per chi lavora sul Web viaggiando per il mondo, l’unica cosa davvero irrinunciabile è avere sempre a disposizione una buona connessione a Internet. Oggi però quasi tutti i Paesi offrono questa opportunità… e allora:

Cosa elige un luogo a diventare la destinazione preferita per tanti nomadi digitali?

La voglia di scoprirlo era tanta, così, circa un mese fa, quando ancora mi trovavo in Nuova Zelanda, ho deciso di rimettere le mie cose nella valigia e ho acquistato un biglietto aereo di sola andata alla volta di Chang Mai.

Da più di un mese mi trovo qui e devo confessarti una cosa: per il momento non ho nessuna intenzione di muovermi… (anche se so già che presto il mio istinto nomade prenderà nuovamente il sopravvento).

Vivendo qui ho scoperto finalmente quali sono i motivi per cui tanti nomadi digitali considerano Chiang Mai un’ottima destinazione dove soggiornare per lunghi periodi:

1) Il Costo della Vita è Molto Basso

Mettendo a confronto Chiang Mai con i vari Paesi dove ho vissuto in precedenza, mi rendo conto delle varie e piacevoli differenze. Qui, con prezzi minori, ottieni maggiori comforts e uno stile di vita migliore.

A Chang Mai puoi trovare molti Coffee Bar con un’ottima connessione Internet. Basta ordinare un drink per poter usufruire della Wi-Fi e dell’elettricità.

Se vuoi iniziare un percorso da nomade digitale o vuoi avviare un business online questa città può fare al caso tuo: il costo della vita è contenuto e puoi godere di maggiore tranquillità, dedicando più tempo ai tuoi progetti. Per farti un’idea ti dico un po’ di prezzi.

Per una stanza di albergo con piscina puoi spendere 130 € al mese (esempio: Baan Thai Apartments) , pranzare con 1-2 € (40-80 BAHT) nei ristorantini locali o affittare un motorino per 5-6 € al giorno o 75 € al mese.

Qui di seguito ti riporto una tabella con elencate le spese indicative che un nomade digitale può sostenere per vivere un mese a Chang Mai.

2013-05-13_123800

(*Le spese di luce ed elettricità per i soggiorni a medio/lungo termine sono calcolate dagli hotel/appartamenti come spese extra.)

Come puoi vedere la spesa media mensile si aggira attorno ai 500 €, considerando anche alcune spese extra nei week-end.

Se però non hai bisogno di risparmiare, puoi tenere livelli di vita più alti spendendo meno rispetto agli standard europei.

2) Puoi Scoprire Nuove Opportunità e Stringere Contatti Professionali Importanti

La cosa che mi ha stupito di più di Chiang Mai, rendendola ai miei occhi una città speciale, non è solo il costo della vita, ma soprattutto il fatto che qui puoi facilmente entrare in contatto con tante persone che utilizzano Internet in modi diversi per guadagnarsi da vivere. Si può così creare la possibilità di stringere amicizie e conoscenze professionali importanti.

La zona più popolare di Chiang Mai per i nomadi digitali si dirama da una strada, la Nimman Road. Semplicemente sbirciando nei vari bar di questa zona, puoi notare subito quanti siano gli stranieri che passano il loro tempo concentrati di fronte al proprio laptop.

Scegliendo di frequentare questi bar, non ti sarà difficile conoscere qualcuno di loro e scoprire come fa a guadagnarsi da vivere grazie a Internet. Lavorare in questi bar può essere anche un’occasione per scambiarsi reciprocamente competenze e conoscenze personali.

In molti di questi locali, si organizzano degli eventi settimanali per discutere di nuove tecnologie, di networking, di programmazione, di ultime applicazioni, di tendenze e anche di imprenditorialità online e start up.

A Chiang Mai non mancano poi spazi di co-working piacevoli e ben attrezzati, dove puoi affittare la tua scrivania e utilizzare Internet ed elettricità, lavorando accanto ad esperti o neofiti dei vari settori. Uno spazio di co-working tra i miei preferiti è il PunSpace.

Quando sono arrivato qui la mia idea di nomade digitale era associata unicamente alla figura del freelancer e sono rimasto positivamente colpito dallo scoprire quanti modi diversi esistono di sfruttare il Web per sostenersi economicamente avendo la possibilità di lavorare ovunque

.

Ho incontrato Web designers, SEO specialist, WordPress expert, webmaster e i tutte quelle figure professionali che siamo abituati ad associare a chi lavora sul Web, ma ho conosciuto anche molte persone che hanno sviluppato propri business online. Dai più semplici ai più bizzarri.

A Chiang Mai c’è sempre molto da imparare, prendendo spunti importanti per poi adattarli al tuo progetto.

Devo dire che da quando sono qui ho cominciato a vedere le cose in maniera differente e ho aperto gli occhi su aspetti e possibilità che prima non riuscivo a vedere. Molti nomadi digitali con cui ho parlato mi hanno raccontato dei loro successi ma anche dei loro insuccessi iniziali e di come, poco a poco, abbiano “aggiustato il tiro”. Conoscendo tanti altri nomadi digitali potrai sicuramente imparare dagli errori che loro hanno fatto e non ripeterli a tua volta.

3) E’ Bello Vivere in Questa Città Perchè è Viva e Giovane

La ciliegina sulla torta di Chiang Mai è di essere una città molto viva, con i suoi infiniti mercatini locali, stupendi templi, i laghi, le bellezze naturali e molti eventi che sono utili per staccare la spina e rigenerarti.

Il clima è caldo e piacevole. Solo tra febbraio e aprile, avrai il problema del fumo che invade Chiang Mai e rende l’aria non proprio pulita. Questo periodo è noto come la burning season. Dopo il raccolto, i contadini bruciano i campi di riso e il fumo inonda tutta la città e oltre. Dalle montagne il fumo è visibile e percettibile in tutta la città. Posso dirti però che ultimamente stanno ponendo rimedio a questo problema, molti ragazzi che ho conosciuto mi hanno raccontato che anni fa la situazione era peggiore rispetto ad oggi.

Un costo della vita basso, un ambiente tranquillo ma dinamico dal punto di vista professionale, paesaggi esotici e luoghi per il relax rendono Chiang Mai molto accogliente e ti regalano quel benessere interiore che ti spinge a volerci trascorrere lunghi periodi.

Secondo me questi sono i motivi principali perché Chiang Mai è considerata una destinazione ideale per tutti i nomadi digitali.

2013-05-13_162721

Io mi trattengo qui ancora per qualche settimana!

Se tu per caso stai pensando di fare un salto da queste parti o vorresti sapere qualche informazione in più su questa città, non devi fare altro che scrivermi qui sotto la tua domanda e io ti risponderò il prima possibile.

A presto e “keep in touch”

….Sawadee!

  • giovapanasiti

    La domanda che più mi preme è: Come si mangia? Cosa si mangia?

    • Alessandro

      Bella domanda su una questione che è bene chiarire. Mi trovo qui ormai da un po’ e ti posso fare un quadro generale di prezzi e qualità.

      Innanzitutto ti dico che puoi trovare qualsiasi tipo di cibo, dai piatti tipici Thai ai piatti internazionali con i vari ristoranti italiani e fast food sparsi per la città. Stesso sapore, non assicurato J

      I prezzi: è vero che puoi spendere 1€, ma devi avere uno stomaco adatto 😉 Quindi, in un range di 1-2€ puoi mangiare i prodotti tipici Thai nei classici ristorantini locali o nei mercatini di strada. In genere il cibo è piccante, zuppe a volontà, tanta frutta e se vuoi esagerare anche insetti. Personalmente, non mangio spesso li.

      Se invece cerchi qualcosa di più simile ad una dieta occidentale puoi andare nei ristoranti, dove l’igiene è più rassicurante con un range di prezzi che va dai 2.5€ ai 5€ al pasto.

      In fine, la scelta che in rapporto qualità prezzo reputo la migliore è quella di andare nei grandi centri commerciali dove c’è sempre un piano adibito al cibo, il food court. Troverai un’ampia scelta tra verdure, carni e frutta in un range di prezzo tra 1 e 3€ al pasto. Igiene e qualità rassicuranti.

      Questo è quanto ho potuto constatare, se hai altre domande, sono qui 🙂

      Ciao.

  • Caro Alessandro, hai colpito nel segno! Mia moglie è da anni che mi dice muoverci verso l’Oriente e quando le ho fatto leggere ‘sto post, è rimasta!

    Qualche domanda:
    – parlaci un po’ più del clima, magari fra settembre e febbraio;
    – che aria intellettuale si respira, musei, biblioteche, pinacoteche, università, etc.;
    – visto per entrare, particolari accorgimenti legali prima di partire;
    – quali vie prendere per affittare un appartamentino in una buona zona:

    Grazie per il tuo contributo, è un sogno nel cassetto che prima o poi bisognerà realizzare.

    • Alessandro

      Ciao Gaspare, piacere mio.

      Ti premetto che questa città mi ha colpito nel cuore,
      quindi ti dico che risponderò un po’ di parte 🙂

      Nel mio tempo libero mi piace molto visitare la città e dintorni. Con l’aiuto della
      gente del posto conosco sempre qualcosa in più che personalmente mi affascina molto. Dalla cultura Thailandese, la religione buddhista e altre curiosità non si finisce mai di arricchirsi e rimanere piacevolmente colpiti.

      E’ molto bello respirare questa cultura con le sue cerimonie e templi che
      regalano molta tranquillità e pace. Proprio l’altro giorno sono entrato nel
      campus dell’università girando con il motorino, è praticamente una città con
      tanto di lago e giardini dove potersi rilassare. Non ti posso dire nulla a riguardo di biblioteche e pinacoteche anche se so che
      non mancano.

      Per quanto riguarda il visto, io sono qui con un visto
      turistico. E’ valido 60 giorni che puoi estendere in ambasciata per altri 30
      giorni. Finiti i 90 giorni del primo visto puoi uscire e rientrare dal paese
      facendo un’altra richiesta per un nuovo visto turistico che puoi pur sempre
      estendere. Ci sono dei ‘tour’ organizzati chiamati ‘Visa Run’ che ti portano oltre
      il confine in uno dei paesi vicini e una volta pronto il visto, ti riaccompagnano
      dove ti avevano prelevato.

      La zona migliore che offre più servizi per noi nomadi
      digitali è sicuramente la Nimman Road, ad ovest della città. Una zona moderna, con coffee shops, ristoranti, pubs e appartamenti con servizi internet ottimi. Ho trovato l’appartamento grazie ad un altro nomade
      digitale che mi ha consigliato la zona e il condominio ad un prezzo molto
      buono. Puoi anche girare la zona entrando nei vari condomini e chiedendo per i prezzi e disponibilità, altrimenti puoi chiedere alle agenzie o ricercare su internet.

      Spero di aver fatto un quadro generale soddisfacente, se ti servono informazioni più specifiche e pratiche puoi tranquillamente contattarmi.

      Forse ci scambieremo la staffetta quando toccherò le Americhe 🙂
      A presto, Ciao.

  • Marco

    Ciao Alessandro,
    volevo fare due osservazioni in merito al tuo articolo.

    1) Perché è necessario trovare un bar e consumare per avere la linea Wi-fi ? Negli Hotel non c’è il Wi-fi gratuito ?

    2) Si trovano anche alloggi tipo apart-hotel cioè camera con l’angolo cottura che permette anche di mangiare un po’ più sano, magari insalatone di frutta o vedura comprate ai mercati ? Esiste questa tipologia a prezzi abbordabili ?

    Grazie, Marco.

    • Alessandro

      Ciao Marco,

      ti rispondo alle domande:

      1) Si, ci sono anche hotel che offrono il Wi-Fi gratuito. In genere le Wi-Fi gratuite degli hotel peccano sulla qualità e velocità di internet. Dove mi trovo ora hanno dei piani tariffari che variano a seconda della velocità (1MB o 2MB) e del tempo (ad ore o illimitato). Se invece preferisci uscire nei bar, la maggior parte richiede una cosumazione obbligatoria, alcuni hanno internet molto veloce. Ci sono comunque differenti policies per ogni bar riguardo le consumazioni.

      2) Si, si trovano sicuramente anche alloggi con angolo cottura, possono costare lo stesso o poco di più. Devi però tener conto che potrebbe esser necessario un contratto minimo (di 6 mesi per esempio).

      Ciao e buona giornata.

      • Maestro Tantra

        Alessandro volevo chiederti se esiste un sito per prenotare i Baan Thai Apartments di cui parli nell’articolo o strutture simili

  • JonathanPochini

    Ciao a tutti!

    Do’ anch’io il mio contributo e il mio caro saluto ad Alex, mio “vicino di casa” e “collega digitale” a Chiang Mai.

    Per il cibo: la cosa strana e’ che dopo un po’ – almeno per me – inizi ad avere “crisi di astinenza” da certi cibi. Un americano mi ha confidato che soffriva di crisi da astinenza da patate, per quanto mi riguarda… pane e pasta.

    Intendiamoci, non e’ che non li trovi, e’ che se vuoi andare al risparmio e spendere un euro o poco piu’ quello che ti tocca e’ un piatto di riso con ingredienti vari, carne, verdure, etc… non che non siano buoni, anzi!

    Ma dopo un po’ inizi a guardare con molto interesse piatti e alimenti a cui magari sei piu’ abituato, anche se costano 4 volte tanto.

    • Ciao sono appena atterrato a Chiang Mai, se qualcuno è ancora in città e ha voglia di prendere un caffé mi faccia un fischio ; )

      • Riccardo Turano

        Ciao Furio,
        sono atterrato oggi a Chiang Mai, se sei ancora in zona ti offro quel caffè.

        • Hey, quanto resti?

          Mandami una email a furio at saporedicina dot com e magari ci si vede uno di ‘sti giorni

  • Bruno

    Ciao a tutti,
    io sto seriamente pensando di trasferirmi definitivamente a chiang mai,
    tutte le informazioni necessarie riguardo “il vivere chiang mai” mi hanno convinto maggiormente sia per costi, per luoghi e persone (civiltà).

    Il mio lavoro essendo basato totalmente in ambiente web sono sicuro incontrando anche persone giuste (magari come voi) di trovarmi veramente bene.

    L’unico mio problema potrebbe essere la lingua.
    In questo caso c’è qualche suggerimento?

    P.s.
    dopo aver richiesto il visto di 60 gg e dopo aver prolungato questo visto di ulteriori 30 giorni tramite ambasciata, come e cosa fare per rimanere per sempre!!!

    Grazie a tutti in anticipo.

    • Ciao,

      l’inglese basta e avanza. Per i visti bisogna uscire dal paese e rientrare con un visto nuovo ogni tre mesi

  • simona romano

    Non so se il mio prcedente messaggio è stato registrato e pubblicizzato.. lo ripeto: dovendo partire il 7 novembre per Chiang Mai e avendo ricevuto istruzioni dal mio prossimo datore di lavoro, volevo avere conferme riguardo le cose da portare assolutamente dall’italia, tipo una trapunta, un cuscino, creme naturali (sembra che quelle che si trovano in loco siano un po’ tossiche), medicinali personali, antizanzare e giacche e cosine pesanti per la notte (dato che non esiste riscaldamento). Vorrei inoltre sapere: sarebbe possibile coabitare nello stesso appartamento come si fa qui nelle città universitarie europee? se sì, ci sono delle agenzie o potete darmi delle dritte in riguardo? grazie mille ad Alessandro e a chiunque volesse rispondere. Simona

    • Ciao scusa il ritardo ma solo ora mi accorgo del commento.

      Ti rispondo alle tue domande,
      Per il periodo di Novembre ti consiglio di portare qualche felpa, comincia a far freddo. Ti parlo comunque di temperature tra i 23 e i 28 … abituato ai 40 gradi per me sta cominciando il freddo 🙂

      Riguardo trapunte, cuscini e creme non credo ne avrai bisogno. Troverai tutto li così come medicinali e antizanzare. Ci sono anche marchi internazionali e Chiang Mai è una città più evoluta di quanto si possa pensare. Se te le vuoi portare da casa, a tua discrezione.

      Riguardo il coabitare nello stesso appartamento non credo si possa fare lo stesso discorso per l’Asia. Il vantaggio però è che i prezzi sono contenuti quindi soggiornare in una bella stanza tutta tua non ti costerà molto.

      Non ti posso consigliare agenzie, sono un pò allergico e avventuriero.

      Ti auguro una buona vacanza, se hai altre domande sono qui!

      Ciao!

  • Maestro Tantra

    Ciao Alessandro. Volevo chiederti anche io il link per gli italiani che vogliono lavorare a Chiang Mai. La mia e-mail è maestro.tantra@gmail.com. Posto questa domanda anche qui perchè forse ho sbagliato a postarla nella sezione sul visto, ma ho visto che in quella sezione un altro utente ti poneva la medesima domanda. Grazie in anticipo.

  • Ciao Alex, non hai considerato i costi per il Thai massage. Dopo un pò crea dipendenza superiore a quella delle sigarette :=) Alessandro

  • Jul

    Ciao e invece con i voli aerei hai qualche indicazione ? aereporto , aereoporto italiano, costi compagnie etc

  • damiano

    ciao, i tuoi articoli sono molto ben fatti ed esaurienti!
    vorrei partire per la thai i pirimi di aprile per circa 1 mese, per poi dirigermi in cambogia e fare qualche altro giro.
    preferirei fermarmi in più posti e visitare di più, cioè dalla “civiltà” alla natura.
    ho circa 2500 euro, dici che ho buone possibilità di “sopravvivenza”?
    sappi che non sono un tipo schizzinoso e mi sono adattato in tutte le mie esperienze nei vari viaggi in solitaria.
    cordiali saluti!

    • Ciao Damiano, purtroppo Alex non collabora più con noi da diverso tempo quindi ho paura che non potrà risponderti. Io credo che con il tuo budget tu riesca a farti un bel giro ma devi stare molto attento alle spese, soprattutto a quelle per gli spostamenti da un paese ad un altro che posso influire molto sul tuo budget finale. Sicuramente se ti fermi in posto hai la possibilità di risparmiare molto.

  • ha! vedo che anche lui e’ stato al baan Thai! io ci ho vissuto 5 mesi! 🙂

  • Danilo D’Ascoli

    CIo a tutti!! Sono Danilo e ad ottobre mi licenzia da un posto pubblico per andare a vivere in thailandia a Chang Mai volevo chiedervi che visto posso richiedere per lavorare? E se apro un bussines onLine posso lavorare con il visto turistico???

    • manuel Boso Cacciapaglia

      Manuel Boso cacciapaglia Se c’e’ l’hai si

  • Danilo

    Io arrivo ad ottobre-novembre !! Aspettatemiiii

    • Sheila Bovo

      Anche io!

  • Massimiliano

    Ciao Alex, a parte l’italiano ho un francese di scuola terza media. ilmio desiderio e’ rifarmi una vita a Chiang mai anche se nn la conosco . Esco da una separazione voglio ritrovare me stesso consigliami

    • Ciao Massimiliano, purtroppo Alex non collabora più con noi da diverso tempo quindi ho paura che non potrà risponderti. Inoltre credo che la tua domanda sia troppo generica per poter ricevere una risposta precisa.

      • Massimiliano

        Che tipo di lavoro si può trovare a Chiang mai ?

        • Massimiliano non credo tu debba chiederlo a noi. Non ci occupiamo di questo!

  • Sebastiano Pagani

    Curiosità, c’è chi lavora anche nel campo della fotografia?

  • Pingback: Mollo tutto e parto per realizzare i miei sogni! La storia di Roberto - Cambiare Vita()

  • Rino Biricchino

    ciao ragazzi qualcuno sa indicarmi le migliori zone a Ching Mai? Intendo dire zone più che altro residenziali, nel verde, al riparo dal traffico, dal troppo turismo, dove stare per lunghi periodi? Per esempio come è la zona Chang Phueak (quella vicino lo Zoo tanto per intenderci)?

    grazie a tutti

    • Ciao Rino, in realtà la scelta dipende da quelle che sono le tue esigenze personali. Le zone di Chang Puak e Santitam sono zone economiche dove si può vivere con un budget più limitato, ci sono nuovi appartamenti e non sono particolarmente turistiche. Ti condivido un link che può esserti utile: http://www.livingthai.org/where-to-live-in-chiang-mai-map-included.html

      • Rino Biricchino

        Ti ringrazio. Ho visto il link ed alcune cose le ho capite. Non ho ben capito, però, quale sia, se esiste, una zona meno investita dal fumo della burning season…che non sia ovviamente troppo fuori

        • Purtroppo il problema del fumo nella burning season esiste in tutta la città e dipende molto dai venti e dalle condizioni climatiche.

  • VORREI VIVERE X SEMPRE IN THAILANDIA X SCAPPARE VIA DALL’ ITALIA QUI LA VITA E TROPPO COSTOSA SI PUÒ STARE X SEMPRE O BISOGNA RIENTRARE IN ITALIA DOPO SEI MESI E POI COSA INTENTETE X LAVORO COME NOMADI DIGITAL

    • No, Giuseppe non si può stare per sempre in Thailandia almeno che tu non acquisisca la residenza permanete e per capire come fare, devi consultare le normative vigenti in quel paese che noi non conosciamo. Lavorare come nomade digitale significa capire come sfruttare le opportunità del Web per crearti un’alternativa professionale mobile e indipendente che puoi svolgere ovunque nel mondo vi sia una connessione alla rete.

      • CIAO GRAZIE ALBERTO MA X SEI MESI SI PUO STARE X POI RIENTRARE IN ITALIA E RIPARTIRE DOPO UN MESE E CHE LAVORO MI CONSIGLI DI CREARE SUL WEB AD ESEMPIO VENDITE ONLINE E AVERE UN VISTO DI LAVORO MI SEMBRA DI CAPIRE O NO CMQ GRAZIE CIAO

  • E POI UNA VOLTALI VORREI INIZIARE UN PERCORSO COME NOMADE DIGITALE X MANTENERMI O TROVARE UN LAVORO SI PUò FARE

  • Angelo Bianchi

    Ciao, grazie mille dei consigli…una domanda. Hai detto che hai preso solo il volo di andata. Ma è possibile ancora oggi? Perché verso gennaio vorrei andare in Thailandia per circa tre mesi prendere solo il volo di andata e magari tornare dalla Malesia, ma ho letto che non ti fanno entrare se non hai già il biglietto di ritorno è me lo ha confermato anche un’agenzia. Esiste qualche escamotage?
    Grazie

    • Ciao Angelo, ma non ne abbiamo già parlato su Google+ ? 🙂

      • Angelo Bianchi

        Ciao Alberto, si ma quella sera stavo leggendo questo articolo e poi ho scritto a un po di persone, non sapendo chi mi avrebbe risposto e anche per confrontare diverse opzioni. E poi, quando tu mi hai risposto, ormai il messaggio l’avevo mandato. 🙂
        Grazie ancora

        • No problem Angelo, era solo per accertarmi che fossi sempre tu! 🙂

          • Angelo Bianchi

            🙂