Libertà e Indipendenza: Il Vero Obiettivo Dopo la Laurea

Se nei tuoi obiettivi rientrano libertà e Indipendenza, leggi la mia storia, il racconto di come sto cercando di rendermi indipendente anche grazie a Internet

Denise Masiero

Denise Masiero: Preparare la valigia e partire per nuove mete mi entusiasma sempre. I cambiamenti di vita non mi spaventano e vivo ogni viaggio come una crescita. Per questo ho deciso di seguire la mia passione per la scrittura e di raccontare le mie esperienze in un blog che si compone di due sezioni: travel blog e vita freelance. Ho iniziato a lavorare come freelance dopo uno stage a Valencia.

Pubblicato il: 16 settembre 2014 | Categoria:

Stai per laurearti o hai finito l’Università ormai da molti mesi e ancora nessuno ha risposto ai curricula che hai inviato. Non hai idea di quale sia la tua strada e il futuro fa sempre più paura. E’ capitato anche a me, e a volte mi capita ancora.

denise

Sono Denise e sto per concludere il tortuoso percorso dell’Università. Fra qualche mese la mia vita da studentessa finirà, dopo una laurea triennale e una magistrale in Strategie di Comunicazione all’Università degli Studi di Padova.

Spesso si pensa che la laurea sia in grado di sistemarci l’intera esistenza, che basti studiare diligentemente e laurearsi in tempo per avere diritto ad un buon lavoro che ci permetta stabilità economica e soddisfazioni personali.

Purtroppo non è più così. Ormai, la laurea non basta.

Ovviamente dipende da cosa si cerca, quali sono i propri obiettivi, che facoltà si è scelta.

Vorrei parlarti soprattutto di lavori riguardanti in qualche modo il Web, ma penso che il discorso generale si possa attribuire a qualunque professione. Negli ultimi anni ho vissuto alcune esperienze, come viaggi e periodi vissuti all’estero, che mi hanno permesso di conoscere modi di vivere alternativi ai classici percorsi prestabiliti.

Ci sono vari momenti delicati nella vita: quando scegli l’Università, a 19 anni, è uno di questi. La cosa peggiore che ti possa capitare è scegliere una facoltà sbagliata, ma l’aspetto positivo è che non è mai troppo tardi per cambiare rotta e fare quello che veramente ti piace fare!

Quando poi arriva la laurea, invece, ti puoi scontrare con un’altra amara verità. Le università italiane spesso sono molto teoriche e non offrono alcun assaggio del lavoro effettivo che si svolgerà dopo.

Nomadi Digitali è da molti mesi fonte di grande ispirazione per me. Spesso leggo storie di trentenni che hanno deciso di mollare tutto e cambiare vita, dopo anni di lavoro in ufficio, e trovare la propria indipendenza economica tramite il lavoro freelance.

Io vorrei aiutare nel mio piccolo ventenni indecisi o insoddisfatti, che stanno cercando la propria strada nel mondo, che vogliono conquistare libertà e indipendenza. Raccontare cosa le mie esperienze personali mi hanno insegnato rispetto alle possibilità di rendersi indipendenti e di costruirsi la propria opportunità professionale grazie al Web.

Lavorare con il web non è facile, come non è immediato diventare un lavoratore freelance che guadagna abbastanza per girare il mondo. Ma la strada per raggiungere i tuoi obiettivi non è tortuosa come pensi!

Quello che sto cercando di fare ora è sfruttare al meglio le opportunità offerte da Internet per conoscere professionisti del settore e crearmi esperienza. I social network sono davvero utili per creare contatti di lavoro, in particolare twitter e linkedin.

Il web offre anche infinite possibilità di apprendimento e crescita personale. Spesso seguo corsi online molto utili, alcuni gratis e alcuni a pagamento su Coursera o seguo webinar gratuiti in streaming su la settimana della formazione.

Le difficoltà mie e credo di molti coetanei sono sempre tante: laurearsi, trovare lavoro, far sì che il lavoro ottenuto ci piaccia e ritenerci soddisfatti ed appagati. Sembra quasi un’impresa impossibile vero? Non è così!

Da sempre ho amato scrivere e viaggiare, infatti i miei piani erano di fare un lavoro creativo e, durante l’Università, fare un’esperienza di vita all’estero grazie al progetto Erasmus. Così sto cercando di fare, fra molti sforzi, ostacoli, porte chiuse e cambi di rotta!

Con il corso universitario, sono stata molto fortunata. Ho scelto un corso, Scienze della Comunicazione a Padova che è stato molto bistrattato, anche pubblicamente, e che suscitava ai tempi della mia scelta interrogativi e sguardi perplessi da amici e parenti.

Invece si è rivelato fonte di grandi soddisfazioni fin da subito, permettendomi di apprendere nozioni in ambiti distinti fra loro e non molto distanti dai reali bisogni del mondo del lavoro.

Niente è facile, ma se fai qualcosa che ami il tempo vola, e così è stato per me. Ho sfruttato molte opportunità che l’università offre: l’Erasmus in Spagna, lo stage, il tirocinio all’estero. Questo è un primo passo: sfruttare ogni opportunità che possa farti crescere, investendo tempo e energie.

Magari anche tu come me sogni di partire per un tirocinio all’estero. Le opzioni sono tante: se sei iscritto all’Università puoi richiedere la borsa di studio LLP Erasmus Student Placement che ti permetterà di svolgere tirocini dai 3 ai 12 mesi all’estero ricevendo un rimborso economico dall’Unione Europea.

Esistono anche programmi simili post laurea, ad esempio il Leonardo da Vinci, oppure associazioni studentesche che permettono agli iscritti di fare tirocini all’estero, anche fuori dall’Europa, come Aiesec.

L’esperienza del tirocinio è stata quella che più mi ha cambiata e che mi ha introdotta nel mondo del lavoro freelance.

Sono partita l’estate 2013 per iniziare un’esperienza di stage in un’azienda di web design e comunicazione digitale a Valencia, in Spagna. Al termine del contratto mi hanno proposto di continuare la collaborazione, da remoto, così avrei potuto conciliare lavoro e studi.

Durante questi mesi ho apprezzato molto la libertà di lavorare da dove vuoi, e ho imparato quanto sia difficile organizzarsi e quanta forza di volontà richieda.

Sto ancora sviluppando i miei progetti di vita, ma per cominciare ho aperto un mio blog: My Social Travel, dove parlo di viaggi, turismo, web e vita freelance.

Ho bisogno di ulteriore esperienza, ma sento di essere sulla strada giusta, una strada in salita che mi condurrà alla soddisfazione personale e a una crescita che, spero, non si fermerà mai.

Non so cosa mi riserverà il futuro, ma credo che sia l’atteggiamento mentale a dover cambiare. Devi sempre ascoltare con la pancia le tue sensazioni, cosa ti fa stare bene? La risposta a questa domanda è personale, ma se stai leggendo questo blog sicuramente i tuoi obiettivi sono la libertà e l’indipendenza.

L’importante è non lasciare che la paura decida per te, le tue possibilità sono infinite. Puoi viaggiare, spostarti, conoscere nuove culture, e grazie al Web, non servono tanti soldi per farlo.

E a te è mai successo di pensare che non troverai mai la tua strada? Qual è stato l’input che ti ha permesso di trovarla?



Potrebbero Interessarti Anche: