4+6 Consigli per Adattarsi Velocemente in Un Nuovo Paese

Se stai pensando di trascorrere un periodo di tempo piuttosto lungo in un altro paese o in una nuova città, voglio condividere con te qualche consiglio pratico che può esserti utile.

Sara Gioria

Sara Gioria: Ho fatto molti lavori (art director, project manager, illustratrice...) e visitato molti luoghi, ma nessuno per ora mi rappresenta. Amo molto il viaggio lento: in bicicletta ho pedalato lungo la Loira, in Olanda, seguendo il Danubio, e ho sfidato per anni il traffico milanese. Vorrei trovare l’indipendenza da luoghi e ruoli imposti, trasformando la comunicazione visiva in valore.

Pubblicato il: 27 dicembre 2016 | Categoria:

Finalmente hai deciso di cambiare e hai scelto una città in cui spostarti, meraviglioso!

Ma… come puoi organizzarti? Che cosa farai da solo/a in un posto nuovo, in una casa nuova, con una lingua nuova?

Ecco qualche consiglio pratico per organizzarti prima di partire e per sopravvivere una volta a destinazione, insomma, adattarti velocemente a vivere in un nuovo paese e in particolare in una nuova città.



# Prima di Partire

Sicuramente è utile imparare a conoscere il posto un po’ in anticipo; sapere il costo della vita, quali sono i quartieri e le zone più interessanti della città, come trovare un alloggio temporaneo e capire grosso modo come poterti spostare.

Io ti consiglio di visitare forum e siti di informazione per viaggiatori; così potrai ottenere delle informazioni utili su quali sono le zone migliori, quelle più care o più economiche, più vivaci o più tranquille. Puoi utilizzare i forum di grandi siti come Tripadvisor , oppure affidarti al caro vecchio Google (iniziando con una ricerca del tipo: “migliori quartieri +NomeCittà”).

Un’altra risorsa utile che puoi consultare è il sito Nomad List, che analizza le migliori destinazioni per nomadi digitali. Oltre 500 città in tutto il mondo dove poter vivere e lavorare in remoto con le specifiche relative al costo della vita, alla temperatura, alla sicurezza, velocità di connessione e tante altre informazioni utili.

Trovare Un Alloggio

Le possibilità qui sono praticamente infinite. La strategia che io utilizzo è quella di cercare un alloggio temporaneo per qualche giorno. Questo mi servirà da base per esplorare la città e valutare quanto mi piace la zona e il quartiere; se poi decido di fermarmi più a lungo, cerco una sistemazione più stabile direttamente sul posto, magari sfruttando le nuove conoscenze e/o il passa-parola.

Per la prima sistemazione temporanea io mi appoggio quasi sempre ad Airbnb, oppure cerco nei vari gruppi su Facebook; se devo restare un paio di settimane al massimo cerco invece di trovare un buon ostello (per esempio su Hostelworld).

Le cose più importanti a cui presto particolare attenzione prima di prenotare sono: la disponibilità di una buona connessione Internet (imprescindibile per lavorare!), una posizione comoda per i miei spostamenti e l’eventuale vicinanza a spazi di coworking.

Studiare la Città

Ti consiglio di usare Google Maps per studiare la città e “mettere le stelle” sui punti e i luoghi che ti interessano maggiormente. Puoi salvare tutti gli indirizzi e scaricare la mappa in locale, così anche senza connessione sarai in grado di orientarti.

Un’altra applicazione interessante che puoi utilizzare sul tuo smartphone è Maps.me disponibile sia per sistemi operativi Ios che Android. Questa ti permette di scaricare e avere disponibili anche offline mappe dettagliate per i tuoi spostamenti e percorsi.

Raccogli tutte le informazioni che ti servono, per esempio tramite il sito dell’ufficio del turismo o attraverso siti locali, o ancora se lo desideri, puoi utilizzare Couchsurfing per entrare in contatto con altri viaggiatori e persone del posto che ti possono fornire consigli utili e volendo anche ospitare gratuitamente a casa loro per qualche giorno.

Prima di partire dai anche un’occhiata alla rete di trasporti locali, sia dall’aeroporto che quelli in città. In questo modo ti sentirai a tuo agio con gli spostamenti fin dal momento del tuo arrivo.

Un’applicazione interessante che puoi considerare di utilizzare è Citymapper. Questa ti aiuta a pianificare i tuoi spostamenti da un punto A ad un punto B in diverse città del mondo, combinando tutti i mezzi di trasporto a disposizione.



# Una Volta Arrivato in Città

Una volta che sarai giunto e ti sarai sistemato dovrai cominciare a organizzare la tua vita, dato che, a differenza di un turista, un nomade digitale deve pensare anche a lavorare e crearsi una rete di contatti per avere una vita sociale e integrarsi velocemente nel nuovo paese o nella nuova città.

I primi giorni io di solito faccio la turista: cammino molto, visito l’ufficio del turismo e seguo gli itinerari suggeriti nelle varie guide, così mi faccio un’idea della città. Dopo però inizia la parte più complessa (e anche più soddisfacente!).

Alcuni Consigli per Integrarti e Cominciare a “Vivere il Posto”


  • Iscriviti ad una scuola di lingue:
    Se non parli la lingua locale è indispensabile, ma anche se già parli un po’ dell’idioma, partecipare ad un corso di lingua è un ottimo modo per conoscere nuove persone. Cerca informazioni su Google e su Facebook ( ad esempio digitando: learn “Nome della Lingua” in “Nome Città”) riguardo a corsi e/o opportunità di scambi linguistici. In molte città ci sono incontri molto utili e anche gratuiti.


  • Il sito meetup:
    è utilissimo, ci sono gruppi per ogni tipo di interesse o passione possa venirti in mente! Gli incontri organizzati da questi gruppi sono ottimi per cominciare a fare nuove conoscenze sul territorio. Ci sono anche gruppi di scambio linguistico, perciò anche questa è una risorsa utile per imparare la lingua.


  • Frequenta i supermercati e i mercati:
    per conoscere una cultura secondo me è imprescindibile visitare gli spazi dove si comprano le cose più comuni; imparerai molto sulle abitudini e scoprirai tante cose nuove.


  • Gruppi Facebook:
    ci sono sempre gruppi di persone che mettono in comune le informazioni, ti basta cercare in Facebook “NomeCittà + expat” oppure “Italiani a NomeCittà”.


  • Spazi di coworking:
    se hai bisogno di un buon posto dove lavorare puoi cercare uno spazio di coworking; sono posti di solito molto ben organizzati, con ottima connessione a internet (e caffè gratis!) e dove si possono incontrare persone interessanti.


  • Couchsurfing community:
    non ho mai usato questa risorsa, ma il sito couchsurfing (di cui ho accennato in precedenza) ha anche una pagina Facebook e una community locale dove le persone si incontrano, parlano di progetti personali o cercano compagni per una gita o scambio linguistico. Puoi partecipare anche senza avere un divano da offrire!


Insomma, a questo punto l’integrazione non ha più segreti per te :)! Spero di esserti stata utile e che ti troverai bene nella tua nuova destinazione. Mi farebbe molto piacere conoscere le strategie di altre persone per ambientarsi in un posto nuovo, perciò se hai altri suggerimenti aggiungili nei commenti!


Foto Credit:
Immagine di Anteprima:Shutterstock.com
Illustrazioni: Sara Gioria



Potrebbero Interessarti Anche: