Come Lanciare Un Progetto Online e Ricevere i Primi Feedback

Se hai intenzione di lanciare il tuo progetto online ecco alcuni consigli pratici per ricevere i primi feedback

Sara Bigatti

Sara Bigatti: Da quasi dieci anni giro per il mondo, un po’ per l'avventura e un po’ perché sono una persona naturalmente curiosa. Sono una designer freelance, ma la mia grande passione, che ho trasformato in professione, è lo Yoga. Amo la natura e la vita in infradito. Da qualche mese mi sono trasferita a Taiwan, ma sto già pensando alla prossima meta.

Pubblicato il: 30 Agosto 2013 | Categoria:

Hai avuto un’idea! Ti sembra interessantissima e soprattutto sei convinto che possa funzionare.

Potrebbe finalmente essere il tuo lasciapassare per la vita da nomade digitale o anche l’inizio di una nuova e più ampia avventura professionale.

Sono moltissimi i casi di prodotti, servizi on-line, app o giochi che, seppur realizzati da piccoli team e con un investimento minimo, hanno raggiunto un grandissimo successo.

A partire da “The 4-Hour Workweek” di Tim Ferriss, sono veramente tanti i libri e i siti che parlano di come iniziare un proprio business on-line, evitando errori e perdite di tempo.

In questo post voglio darti alcuni consigli su come muovere i primi passi, presi dalla mia esperienza personale.

Lanciare un proprio progetto on-line, vuol dire entrare nell’ordine di idee di avere a che fare con un sistema più ampio e con regole diverse da quello del mercato tradizionale. Adattare quindi il tuo modo di pensare ad una scala diversa, ti permetterà di comprendere meglio le tue oppurtunità.

Una delle prime cose che ti suggerisco è quella di testare il più possibile la tua idea, prima di passare alla fase di realizzazione.

Un errore che spesso si fa, è quello di pensare di dover mantenere la segretezza assoluta sul progetto fino al momento del lancio, per paura di essere copiati… o forse anche per non essere delusi da commenti negativi!

In verità più ne parli e condividi, maggiori saranno le tue probabilità di successo.

A questo proposito, uno strumento che ho trovato utilissimo sono i servizi di landing-page. Questi servizi ti offrono semplicemente una pagina, nella quale presentare il tuo progetto o per meglio dire, iniziare a smuovere un po’ di attenzione intorno alla tua idea.

In questo modo puoi cominciare a creare un bacino di utenti che, non solo con molta probabilità saranno i tuoi primi clienti, ma ti aiuteranno con i loro feedback nella fase di definizione del progetto.

La landing page infatti viene utilizzata quando ancora il prodotto non è pronto; il che può voler dire che sei ancora in una fase totalmente embrionale oppure che ti mancano solo poche settimane al lancio.

Personalmente ti suggerirei di utilizzare questo strumento il prima possibile, per aver ancora la libertà di modificare la tua idea e anche per capire realmente quanto interesse di pubblico suscita…e quindi trarne le dovute conclusioni.

Non aver paura di dire ‘ho sbagliato’ o di tornare sui tuoi passi per fare delle modifiche, è una cosa che può salvare le sorti del tuo progetto!

Alcuni strutturano la loro landing page in modo molto minimal, presentanto solo il nome del progetto, una breve descrizione e magari un’immagine e invitano a lasciare la propria mail, per essere avvisati al momento del lancio.

In verità si può fare molto di più per richiamare interesse!

Uno strumento molto utile sono ad esempio i referrals, cioè creare un sistema per cui un utente che si iscrive è invogliato a fare iscrivere altre persone.

La pagina ovviamente può anche essere una vera e propria presentazione del tuo prodotto, con una descrizione più completa, in modo tale da poter ricevere dei feedback più mirati.

Per lanciare il mio progetto sull’insegnamento dello Yoga, ho utilizzato il servizio di KickoffLabs, impostando una landing page che facesse capire lo stile e l’idea del progetto.

Quello che mi serviva era sapere se esisteva un pubblico per i miei video in Italia e se lo stile, lontano dall’idea classica di Yoga, potesse comunque essere corretto per questo tipo di prodotto.

Per aumentare il numero di iscritti alla mailing list, ho organizzato un sistema di referrals, premiando chi faceva iscrivere più amici. In questo modo ho ottenuto in un mese 250 iscritti alla mailing list.

Siccome il mio obiettivo principale era parlare direttamente con le persone, invece di mandare una mail generale, ho contattato personalmente ogni iscritto, cercando di aprire un dialogo che mi permettesse di conoscere le loro opinioni sul mio progetto e capire se questo andava veramente a risolvere un loro problema.

Fai conto che quando ho lanciato la landing page, non avevo ancora pronto il corso di Yoga, quindi conoscere ad esempio il livello di pratica di chi l’avrebbe usato, mi ha permesso di regolare di conseguenza il livello di difficoltà delle lezioni del corso.

Per me iniziare molto presto a cercare un contatto con gli utenti, è stato veramente fondamentale e spero che possa essere uno spunto utile anche per te!

Questo è stato il mio modo di iniziare, se anche tu hai un’esperienza interessante da condividere, raccontacela lasciando qui sotto il tuo messaggio.